La follia nella canzone popolare italiana: la musica popolare italiana come strumento di riabilitazione psichiatrica in una esperienza di tirocinio nel Centro Semiresidenziale Vincenzo Chiarugi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Il tema della follia nella musica popolare e colta in Europa Solo un breve accenno per ricordare che La “Follia” è un tema musicale fra i più antichi della musica europea. Si presume sia di origine portoghese o del Sud America. Le sue origini risalgono probabilmente al tardo Medioevo, come forma di danza popolare e di canto. Letteralmente il termine folia significa “folle divertimento, baldoria, sollazzo”, o anche “follia”, e viene utilizzato per designare una festa popolare parecchio movimentata, caratterizzata da danze, musica e grande allegria. Infatti a partire dal XVI al XVIII secolo, oltre 150 compositori hanno utilizzato il tema della Folia come base per comporre serie di variazioni altamente virtuosistiche. Memorabili quelle di musicisti italiani come Frescobaldi, Corelli, Alessandro Scarlatti, Vivaldi e Bononcini. Ma anche Jean-Baptiste Lully, Marais e D’Anglebert in Francia; Johann Sebastian e Carl Philipp Emanuel Bach in Germania, per citare alcuni esempi fra i più significativi. 4 E’ quindi molto probabile che anche gli autori moderni europei e italiani abbiano ricevuto alcuni semi germinati tra le pieghe dei motivi popolari ispirati da queste melodie. 4 Tratto dal sito web della “Associazione Culturale Luis de Camoes”

Anteprima della Tesi di Daniele Valabrega

Anteprima della tesi: La follia nella canzone popolare italiana: la musica popolare italiana come strumento di riabilitazione psichiatrica in una esperienza di tirocinio nel Centro Semiresidenziale Vincenzo Chiarugi, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Daniele Valabrega Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1764 click dal 05/04/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.