Skip to content

Al servizio del Granduca: l'epica e lo spettacolo delle armi

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
VII popolo, che a Pisa potette assistere alla Battaglia del Galeone sull’Arno, dall’altra ribadivano il concetto di corte, con l’innesco di un meccanismo governativo di controllo fra principe e i nobili: allo scopo servì la Naumachia in Palazzo Pitti. Alcuni studi anno rilevano anche la particolare esaltazione dei Cavalieri di Santo Stefano, fondati dalla stessa famiglia Medici, che nella loro natura di uomini d’arme, così come nel loro ruolo legato alle spedizioni crociate, portavano ancora più alla luce l’importanza della famiglia. All’evento di Lepanto, si affianca la figura di Goffredo: il condottiero cristiano, viene ritratto in onore di Cristina sulle tele dipinte da Santi di Tito; esse poste ad ornamento di uno degli archi trionfali allestiti nelle vie di Firenze nell’aprile 1589. Si volle in questo modo onorare la futura Granduchessa e “avvertire” dell’inizio di un legame indissolubile con un passato glorioso (seppur acquisito), e, di fatto, del passaggio di Ferdinando I al nuovo status di difensor fidei, attraverso una non scritta legge di proprietà transitiva. La stessa Cristina, che nel 1589 commissionò gli affreschi per villa La Petraia, scelse Goffredo di Buglione come soggetto, proprio per il suo legame con la famiglia di origine. Era in esso che si manifestava, dunque, la stessa potenza delle casate unite dall’importante matrimonio: tramite esso entrambe giustificavano la loro posizione. Molto importante, è risultata la figura di Goffredo come strenuamente legata al Cristianesimo, di cui si fece scudo e protettore, così come desiderata farsi la famiglia Medici, che nel tema “consanguineo” di Lepanto e Goffredo, metteva al centro l’importanza della Croce: simbolo e reliquia da proteggere. Se Ferdinando I si mostrò come difensore della fede, Cosimo II, la moglie Maria Maddalena d’Austria, e ancora Cristina, divenivano i nuovi difensori della Croce. In questo passaggio, si è messa in luce una tappa fondamentale: nel 1612 Cosimo II andava lentamente visitando i territori acquisiti, dopo il suo insediamento come nuovo Granduca, e fu in queste occasioni che altri simboli religiosi incrementavano quella che già era una situazione di potere acquisita (trasformata, in quegli anni, in naturale necessità di mantenere il potere). Si cercò nella religiosità e nella simbologia del lignum vitae, il legno della Croce, la più ambita reliquia cristiana, il senso nuovo del potere principesco; venne in soccorso a tale esigenza gli stessi reliquiari, la cui produzione orafa era pressoché
Anteprima della tesi: Al servizio del Granduca: l'epica e lo spettacolo delle armi, Pagina 8

Indice dalla tesi:

Al servizio del Granduca: l'epica e lo spettacolo delle armi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cecilia Ferretti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: SaraMamone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
legittimazione
armi
pittura
epica
firenze
spettacolo
medici
granducato
spettacolarità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi