Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cinema e cultura delle differenze

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 tra culture diverse; deve avere una teoria pedagogica capace di interpretare il problema dell’intercultura ma anche una metodologia che impedisca la chiusura o un’apertura acritica dell’altro nei confronti di culture ed abitudini diverse causate dall’esistenza radicata di stereotipi e pregiudizi che indirizzano fortemente le azioni ed i pensieri delle popolazioni autoctone 10 . I traguardi di questa disciplina si concretizzano nell’accoglienza e dell’inserimento dell’immigrato volto al successo formativo, all’insegnamento dell’italiano come seconda lingua, all’apertura delle discipline in un’ottica interculturale e soprattutto all’eliminazione e prevenzione di eventuali pregiudizi e stereotipi. 1.2 STEREOTIPI E PREGIUDIZI È difficile dare una precisa definizione del pregiudizio ma può essere utile l’opera di Allport “La natura del pregiudizio” nella quale il pregiudizio è considerato una “forma del pensiero, presente in tutti gli individui, che non si fonda su dati obiettivi o sull’esperienza diretta ma solo sulla base di valutazioni di natura emotiva” 11 . Esistono anche dei pregiudizi positivi che sono connessi con alcune infatuazioni legate a particolari paesi e culture, come ad esempio l’americanismo. Sono però i pregiudizi negativi quelli più studiati perché creano tensioni, danni sociali, violenze e scontri 12 . Un altro studioso che si occupato dello studio del fenomeno del pregiudizio è M.Mazzara 13 , egli ha affermato che il pregiudizio è parte della vita quotidiana e si esprime su più piani e situazioni. Ognuno di noi, secondo M. Mazzara, pensa e agisce in funzione di precisi orientamenti culturali, valutativi o ideologici da cui non è possibile liberarsi completamente e che quindi condizionano pesantemente le scelte di ogni persona 14 . Allport 15 invece definisce il pregiudizio come un giudizio negativo sull’altro, costruito a priori, che si basa su indizi inesistenti e 10 W. WALLNOFER, Pedagogia interculturale, Bruno Mondadori, 2000 p. 63 11 G. W. ALLPORT, La natura del pregiudizio, Firenze, La Nuova Italia, 1973 p. 85 12 W. WALLNOFER, Op. Cit. p. 19 13 B.M. MAZZARA, Appartenenza e pregiudizio. Psicologia sociale delle relazioni interetniche, Roma, Carocci, 1998 p. 207 14 B.M. MAZZARA, Stereotipi e pregiudizi, Il Mulino, 1997 p. 204 15 G. W. ALLPORT, La natura del pregiudizio, La Nuova Italia, 1976 p. 175

Anteprima della Tesi di Amelia Farina

Anteprima della tesi: Cinema e cultura delle differenze, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Amelia Farina Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4779 click dal 17/05/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.