Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio di sistemi NMR per applicazioni petrografiche nella verifica strutturale delle opere edili

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 LE STRUTTURE EDILI 1.1 L'analisi delle strutture edili in calcestruzzo armato Come ogni opera artificiale o naturale anche il calcestruzzo si degrada con l'invecchiamento. L'accelerazione dei processi degradativi è condizionata sia da fattori interni (degrado dei materiali) che esterni (condizioni ambientali). Oggi ogni grande opera edile è progettata e realizzata con il largo impiego del calcestruzzo che fino a pochi anni fa si credeva avesse proprietà di grandiosa durevolezza stimata nell'ordine dei 500 anni. Nel tempo la stima sulla durata del calcestruzzo è stata rivista e corretta ad un solo centinaio di anni. Affinché sia assicurata la durevolezza ed un sicuro utilizzo dei manufatti in calcestruzzo armato (c.a.) sono state introdotte normative e regolamenti per la verifica ed il controllo delle strutture. 1.2 La vita di una struttura Le opere edili sono suddivise in tre categorie come segue: 1. opere provvisorie (struttura in fase costruttiva) durata < 10 anni 2. opera ordinaria (ponti, strade, infrastrutture) durata > 50 anni 3. grandi opere (ponti lunghi, grandi infrastrutture, dighe) durata > 100 anni 6

Anteprima della Tesi di Simone Rossi

Anteprima della tesi: Studio di sistemi NMR per applicazioni petrografiche nella verifica strutturale delle opere edili, Pagina 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Simone Rossi Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 288 click dal 25/06/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.