Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cavitazione nei distributori oleodinamici proporzionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 CAPITOLO 1. I DISTRIBUTORI OLEODINAMICI 1.1 Introduzione agli impianti oleodinamici L’oleodinamica è una particolare tecnologia interdisciplinare che si occupa dei sistemi di trasmissione e modulazione della potenza da un gruppo generatore ad un gruppo utilizzatore. I suoi settori applicativi sono i più disparati e vanno dalla trasmissione di potenza in ambito industriale (presse, macchine per estrusione e macchine utensili), alla movimentazione degli apparati di attuazione e locomozione di macchine operatrici mobili (macchine movimento terra e agricole, apparecchi di sollevamento e macchine stradali, cantieristica) fino alle applicazioni aerospaziali (circuiti di attuazione dell’avionica di bordo degli aeromobili) e marittime (piattaforma off-shore e impiantistica di bordo). Il principale vantaggio storico dell’oleodinamica rispetto ad altre tecnologie di trasmissione e modulazione della potenza (meccanica ed elettrica) risiede nella possibilità di coniugare una elevata flessibilità topologica delle realizzazioni circuitali (tipica delle applicazioni elettriche) con una elevatissima densità di potenza, intesa come potenza elaborata per unità di massa dei componenti impiegati. Nonostante questo margine risulti sensibilmente ridotto negli ultimi anni, continua a permanere un certo vantaggio dell’oleodinamica nei confronti delle altre tecnologie. Dal punto di vista applicativo, il problema fondamentale consiste: 1. nella trasformazione della potenza meccanica, resa disponibile da una sorgente esterna, in potenza idraulica (sotto forma di pressione e portata di fluido di lavoro); 2. nella modulazione della potenza idraulica in forma opportuna attraverso componenti o circuiti di regolazione e controllo; 3. nella trasformazione della potenza idraulica in potenza meccanica al fine di compiere lavoro utile. Secondo questa schematizzazione, sono già chiaramente individuabili tre gruppi funzionali, che in una visione più generale possono divenire quattro: 1. trasformatori in ingresso, normalmente pompe, che nella stragrande maggioranza delle applicazioni risultano essere di tipo volumetrico, a cilindrata fissa o variabile;

Anteprima della Tesi di Alfredo Costa

Anteprima della tesi: La cavitazione nei distributori oleodinamici proporzionali, Pagina 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alfredo Costa Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1842 click dal 29/04/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.