Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Madonna del Cardellino di Raffaello. Indagini iconografiche e interventi conservativi più recenti del dipinto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. INDAGINE STORICO-ARTISTICA DELL'OPERA Il dipinto rappresenta la Vergine seduta con il figlio fra le ginocchia mentre accarezza un cardellino che gli viene proteso da san Giovannino (fig. 1). 1.1. Storia Il più antico riferimento dell'opera proviene dalle Vite di Giorgio Vasari che, nell'edizione del 1568, ne fa' una descrizione dettagliata, così da consentirne l'identificazione con il dipinto presente agli Uffizi. Dallo stesso manoscritto si evince che l'opera venne eseguita da Raffaello Sanzio per l'amico Lorenzo Nasi, il quale aveva “preso donna in que' giorni” 1 e che casa Nasi, a seguito della frana della costa a San Giorgio, aveva subìto un crollo, e sempre secondo lo scrittore aretino, tale evento era da collocare al 17 novembre del 1548. Tuttavia, successivamente il Milanesi, in una nota alla vita vasariana dell'edizione del 1879 2 , anticipa la data del crollo al 12 novembre 1547, basandosi sulle testimonianze di Domenico Maria Manni 3 . A causa di quell'evento l'opera rimase sotto le rovine subendo considerevoli danni, ma la passione per l'arte di Giovanbattista, figlio di Lorenzo, lo portò al recupero e alla ricomposizione dei frammenti “in quel miglior modo che si potette” 4 . Secondo il Gamba 5 , invece, l'opera fortemente danneggiata, sarebbe stata affidata a Michele di Ridolfo del Ghirlandaio per restaurarla, ma tale ipotesi, essendo stata avanzata solo in base a considerazioni puramente stilistiche è da ritenersi non attendibile ai fini della ricostruzione storica del dipinto. Dall'analisi delle radiografie eseguite sull'opera, in occasione della mostra del 1984, le sue condizioni dovevano essere preoccupanti: infatti il supporto ligneo era diviso in lunghe schegge verticali, 1 G. Vasari, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori ed architettori, Firenze 1568, ed. 1878-1885, IV (1879), pp. 321-322. 2 Ivi, p. 322, nota 1. 3 D.M. Manni, Osservazioni istoriche sopra i sigilli antichi de' secoli bassi, 1739-1784, XXI (1770), pp. 29-38. 4 G. Vasari, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori ed architettori, Firenze 1568, ed. 1966-1987, IV, p. 61. 5 C. Gamba, Pittura umbra del Rinascimento. Raffaello, Novara 1949, p. 51. 7

Anteprima della Tesi di Chiara Orati

Anteprima della tesi: La Madonna del Cardellino di Raffaello. Indagini iconografiche e interventi conservativi più recenti del dipinto, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Orati Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 291 click dal 16/06/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.