Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stima dell’assunzione giornaliera di residui di agrofarmaci in una dieta vegetariana secondo le procedure di “risk assessment”.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 grazie ai coloranti, mentre gli aromi vengono utilizzati per rendere il cibo più gustoso. Materiali di imballaggio per alimenti e contenitori come bottiglie, bicchieri e piatti, contengono sostanze chimiche come la plastica i cui elementi possono migrare nei cibi stessi; altri prodotti chimici possono essere utilizzati per combattere le malattie negli animali da allevamento o i parassiti nelle coltivazioni. Tutte le sostanze chimiche che possono essere impiegate nei prodotti alimentari devono prima essere sottoposte ad una valutazione completa del rischio per poterne così confermare una sicurezza d’impiego. Il possibile effetto di tali sostanze sulla nostra salute e la loro sicurezza dipende dal nostro livello di esposizione ad essi, ad esempio attraverso i cibi che mangiamo, soprattutto frutta e verdura, cereali, latte e derivati e uova, o fonti di esposizione ambientale. Questo è il motivo per cui gli Organismi di controllo effettuano valutazioni severe dei rischi di tutti i prodotti chimici proposti per uso alimentare, per determinare quali sostanze possono essere utilizzate e in quale modalità: questo assicura che l'uso dei prodotti chimici negli alimenti o sulle colture (per esempio gli agrofarmaci) non abbia effetti negativi sulla salute umana e animale, né sull'ambiente. In materia di sicurezza alimentare l’impegno dell’Unione Europea è iniziato negli anni ’60 e si è potenziato negli anni ’90 con la realizzazione del mercato unico. Un approccio sistematico di identificazione e valutazione dei pericoli associati con le varie operazioni di produzione degli alimenti e di definizione delle misure per il loro controllo è l’HACCP, il sistema di “Analisi del Rischio e Punti Critici di Controllo” (Hazard Analysis and Control Critical Points), proposto per la prima volta nel 1971 alla “National conference of food protection”. L’applicazione dell’HACCP a tutta la catena alimentare consente un

Anteprima della Tesi di Giulia Daviddi

Anteprima della tesi: Stima dell’assunzione giornaliera di residui di agrofarmaci in una dieta vegetariana secondo le procedure di “risk assessment”., Pagina 4

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Giulia Daviddi Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1069 click dal 29/01/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.