Il colore: dal simbolo alla campagna pubblicitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 2 Il simbolo si distingue dal segno proprio per la sua ambivalenza semantica; il colore la possiede sia in sede fisico- fisiologica, sia in sede psicologico-linguistica. Ecco dunque l’interesse e la difficoltà di inquadrare in un breve saggio una realtà così cangiante ed ecco, quindi, la scelta di affrontare solo uno “spicchio” dell’universo del quale il colore è parte integrante e costituente. Tenterò di tracciare un’evoluzione storica dei colori, evidenziando la loro forte valenza e incidenza sociale; parlerò di come l’uomo percepisce questa realtà dal punto di vista fisiologico e psicologico; esporrò il pensiero di due grandi come Goethe e Wittgenstein che hanno scritto teorie e osservazioni su questo fenomeno3; infine, per attualizzare il mio lavoro, affronterò due discipline, familiari alla maggior parte di noi, che sul colore hanno sempre scommesso: la pubblicità e il marketing. Spero di dimostrare come le varie scelte cromatiche non sono casuali, ma frutto di un complicato processo di simbolizzazione: il colore diventa segno nel momento in cui rappresenta nell’immagine i contenuti dell'azienda o del prodotto di riferimento e diventa facilmente memorizzabile soprattutto se associato ad altri colori-guida fino a stimolare, nel potenziale acquirente, desiderio e immaginazione. 3 A questo proposito citerò ampiamente La teoria dei colori di Goethe e Le osservazioni sui colori di Wittgenstein.

Anteprima della Tesi di Giorgia Cacciante

Anteprima della tesi: Il colore: dal simbolo alla campagna pubblicitaria, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giorgia Cacciante Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 21724 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.