Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Word-of-Mouth ed Attrattività Organizzativa: valenze del messaggio, employer brand e autostima del ricevente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Giacomo Falcone 7 Whyte affermò che il possesso di tali beni di consumo rispecchiasse pattern di comunicazioni interpersonali all’interno degli stessi quartieri e vicinati, con persone influenzate nelle loro decisioni di consumo da scambi interpersonali che occorrevano prevalentemente in maniera informale, “over the clothesline” e “across backyard fences” (Whyte, 1954). Tali comunicazioni interpersonali sono definite come Word-of-Mouth, o passaparola, nello specifico descritto come << an oral, person-to-person communication between a receiver and a communicator whom the receiver perceives as non-commercial, concerning a brand, a product, or a service. >> (Arndt, 1967, p. 293). Il word-of-mouth è quindi una comunicazione interpersonale, uno scambio di informazioni e opinioni, indipendente dalle attività di marketing dell’azienda, riguardo un’organizzazione e i suoi prodotti (Bone, 1995). Queste prime definizioni identificano tre salienti caratteristiche del word- of-mouth. In primo luogo, il word-of-mouth è un fenomeno sociale, dal momento che avviene tra persone, in maniera informale (Bone, 1995). In secondo luogo, tale manifestazione rappresenta una tipologia particolare di fonte di informazione relativa ad un’organizzazione, ai suoi prodotti e servizi (Cohen & Golden, 1972). Infine, il word-of-mouth è una fonte informativa company-independent, nel senso che l’informazione non è sotto il diretto controllo dell’azienda (Bone, 1992). Contrariamente a fonti commerciali, quale la pubblicità, il word-of-mouth è generato, infatti, da persone che non hanno alcun interesse nella promozione del prodotto (Wirtz & Chew, 2002). A fronte di ciò, il word-of-mouth rappresenta una fonte informativa tra le più credibili e affidabili nel processo decisionale del consumatore (Van Hoye & Lievens, 2007; Herr, Kardes & Kim, 1991), fino al punto che alle interazioni tra consumatori (Customer to Customer, C2C) viene attribuito

Anteprima della Tesi di Giacomo Falcone

Anteprima della tesi: Word-of-Mouth ed Attrattività Organizzativa: valenze del messaggio, employer brand e autostima del ricevente, Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Giacomo Falcone Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 257 click dal 15/01/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.