Skip to content

Roma 1849. La Costituzione della Repubblica

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 fu eletta un’Assemblea nazionale croata, ci furono rivolte nei Principati danubiani e in Ungheria re- presse nel sangue. L’Italia, ancora divisa in piccoli Stati e Ducati, vide moti a Palermo, Milano e Venezia, inoltre Carlo Alberto, re di Sardegna, dichiarò guerra all’Austria. Le rivoluzioni del Qua- rantotto andarono ad aggiungersi, nel quadro europeo, ai moti indipendentistici avvenuti nel corso del XIX secolo. Furono soffocati brutalmente, sia la rivolta della popolazione polacca nei territori controllati dallo zar nel 1831, sia i moti nel Regno delle Due Sicilie del 1820; ebbero successo in- vece i moti in Grecia del 1821 e in Belgio nel 1830. Per mettere ordine alla sequenza di eventi in questo “Quarantotto” possiamo definire ini- zialmente la situazione creata dal congresso di Vienna del 1815, che aveva come obiettivo quello di ristabilire l’Ancien régime dopo la disfatta di Napoleone. In seguito agli accordi viennesi, la Francia perse i territori annessi con la guerra, la Russia e la Prussia ingrandirono il loro territorio rispetti- vamente con il Ducato di Varsavia e le regioni della Westfalia e della Renania settentrionale. Si creò tra i trentanove Stati del vecchio Sacro romano Impero una confederazione a guida austriaca dove, però, l’emergente Potenza prussiana si faceva sempre più preponderante nei confronti dell’Impero asburgico. L’Italia fu suddivisa in Regno di Napoli e Regno di Sicilia a sud, Stato pon- tificio nelle regioni centrali e adriatiche, il Regno Lombardo-Veneto a nord-est, il Regno di Sarde- gna che comprendeva anche il Piemonte. Infine nelle zone delle odierne Toscana ed Emilia, furono ripristinati il Granducato di Toscana e i piccoli Ducati di Modena, Parma, Piacenza, Lucca e Massa Carrara. Il Regno unito dei Paesi Bassi fu creato, durante il congresso, per svolgere la funzione di Stato cuscinetto, affinché fossero scongiurate nuove espansioni da parte della Francia. Al fine di conservare l’ordine ristabilito, fu creata la Santa Alleanza tra Russia, Prussia e Austria, in questo patto vi era scritto che ovunque fosse stata messa in pericolo l’autorità di un sovrano legittimo, i tre Paesi sarebbero intervenuti in difesa di quel regime. Quest’assetto non era però destinato a durare, perché «il congresso di Vienna non aveva, infatti, tenuto conto delle sempre più vive aspirazioni dei popoli alla libertà, all’indipendenza, all’identità nazionale, che avevano trovato nel romanticismo una piattaforma culturale e ideologica» 1 . La situazione geopolitica fu aggravata dall’opprimente crisi economica che percorreva l’Europa. Lo storico Jonathan Sperber 2 ha analizzato la crescita demografica nel continente, l’aumento della popolazione iniziò ad essere rilevante già dalla metà del XVIII secolo. 1 Franco Della Peruta, Mazzini e la Repubblica romana, in «Rassegna storica del Risorgimento», LXXXVI, 1999, n. 4, p. 205. 2 Cfr. Jonathan Sperber, The European revolutions, 1848-1851, Cambridge, Cambridge University Press, 1994, p. 23.
Anteprima della tesi: Roma 1849. La Costituzione della Repubblica, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Roma 1849. La Costituzione della Repubblica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Antonelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Antonio D'Alessandri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione
pio ix
repubblica romana
garibaldi
mazzini
armellini
1849
oudinot
saffi
pio 9

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi