Skip to content

Recupero e redistribuzione sociale delle derrate alimentari: il caso del Centro Agroalimentare di Torino. Stato dell’arte e proposte di adozione di buone pratiche.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 servazione, o per la mancanza di adeguate infrastrutture per il trasporto e l’immagazzinamento. 9 Lo spreco è strettamente correlato all'andamento economico del Paese di riferimento e alle conseguenti modifiche nello stile di vita delle persone, compreso il cambia- mento delle abitudini alimentari, man mano sempre più globalizzate. A titolo di esempio basti pensare che, dal 1974 a oggi, lo spreco alimentare nel mondo è aumen- tato del 50% e che il fenomeno non pare destinato a un’inversione di tendenza. 1.2. UE Secondo la Commissione europea, ogni anno nell’UE sono sprecati circa 88 milioni di tonnellate di cibo 10 e si stima che lo spreco alimentare complessivo salirà a circa 126 milioni di tonnellate entro il 2020.. I dati sullo spreco di alimenti variano signifi- cativamente a seconda della fonte: ciò, con ogni evidenza, è determinato dalla diver- sa interpretazione di ciò che costituisce “spreco alimentare” e le diverse metodologie utilizzate per misurarlo. Vari studi presentano dati divergenti per ciascuno dei settori della filiera alimentare. Nella tabella 1 11 realizzata dall'Istituto delle risorse mondiali (WRI) 12 vengono presentati i risultati di alcuni di questi studi; si può vedere che lo spreco di alimenti ha luogo lungo l’intera filiera, sebbene sia necessaria cautela nel raffronto dei risultati, dato che la metodologia e la definizione di “spreco alimentare” utilizzate non sono omogenee. Il tema dello spreco alimentare nel mondo occidentale e, nello specifico, in Europa è strettamente correlato all'evoluzione dei sistemi produttivi, della sfera socioeconomi- ca e dei consumi che, a partire dagli anni del secondo dopoguerra, ha fortemente in- fluenzato lo stile di vita delle popolazioni. I progressi compiuti dall'umanità, prima con la Rivoluzione verde del 1945-1970, poi con la progressiva industrializzazione e inurbazione sempre più marcate, se da un la- to hanno svincolato ampie fasce di popolazione dallo spettro della Fame, dall'altro hanno sminuito via via il valore del cibo, passato da un ruolo centrale nelle società contadine a quello di mera merce, al pari di tutte le altre. Merce senza particolare va- lore e quindi oggetto di abuso e di spreco. Un dato interessante, che dà conto di questo fenomeno, è che il consumo di alimenti pro-capite che, nei primi anni Settanta ammontava a circa 2.370 Kcal/persona/giorno, nel 2005/07 ha raggiunto le 2.770 Kcal/persona/giorno, per arrivare (dati 2015) a ol- tre 3.500 Kcal/persona/giorno in Italia e circa 3.800 Kcal/persona/giorno in Austria e in Belgio. 13 Nei paragrafi che seguono vengono riportate alcune riflessioni al riguardo. 9 http://tesi.eprints.luiss.it/18866/1/186351_ERRICO_PIERFRANCESCO.pdf 10 http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-16-3989_it.htm 11 https://www.eca.europa.eu/Lists/ECADocuments/SR16_34/SR_FOOD_WASTE_IT.pdf 12 http://www.mtt.fi/foodspill, 2011; https://www.fh-muenster.de/isun/lebensmittelabfall-projekte.php, 2012; Gustavsson e altri, ITAS-calculations based on the SIK-methodology, 2013; FUSIONS, Estimates of European food waste levels, 2016 13 https://www.lacucinaitaliana.it/news/salute-e-nutrizione/la-classifica-dei-paesi-che-consumano-piu-calorie- litalia-e-al-nono-posto/
Anteprima della tesi: Recupero e redistribuzione sociale delle derrate alimentari: il caso del Centro Agroalimentare di Torino. Stato dell’arte e proposte di adozione di buone pratiche., Pagina 6

Preview dalla tesi:

Recupero e redistribuzione sociale delle derrate alimentari: il caso del Centro Agroalimentare di Torino. Stato dell’arte e proposte di adozione di buone pratiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Tiziana Pia
  Tipo: Tesi di Master
Master in SOSTENIBILITÀ SOCIALE ED AMBIENTALE DELLE RETI AGROALIMENTARI
Anno: 2018
Docente/Relatore: GABRIELE LORIS BECCARO
Istituito da: Università degli Studi di Torino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impatto ambientale
banco alimentare
sostenibilità ambientale
malnutrizione
fame nel mondo
spreco alimentare
cibo buttato
mercati ortofrutticoli
legge gadda
derrate alimentari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi