Skip to content

Storia e giornalismo nella narrativa di Enzo Biagi

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 riesce a colmare il resto della narrazione. Nei due libri il suo mestiere viene fuori in maniera evidente, ma in due modi diversi. Nel romanzo Disonora il padre non si parla tanto delle sue produzioni giornalistiche, quanto proprio della professione da lui esercitata, con la vita di redazione che a un certo punto è l’unica realtà descritta nei minimi particolari. Dagli esordi all’«Avvenire» al «Resto del Carlino», Biagi ci tiene a far sapere al lettore perché ha scelto di fare il giornalista, quali sono i suoi modelli e qual è la routine di questo lavoro. Ne I quattordici mesi invece il giornalismo diventa una missione. In brigata il suo ruolo non sarà quello di combattere il nemico, ma di redigere un giornale clandestino. E qui la narrazione si sviluppa proprio attraverso le pagine di questa pubblicazione, riportando non solo le immagini delle prime pagine dei tre numeri usciti, ma anche i singoli articoli. Il lettore quindi si ritrova catapultato in racconti e resoconti pubblicati all’epoca che vanno a intrecciarsi con la narrazione del libro. Parafrasando possiamo dire che Biagi sostituisce pagine di romanzo con pagine di giornale. Il tutto senza rovinare l’enfasi del testo, anzi aumentandola con storie raccontate in prima persona da suoi compagni di brigata. Analizzare questi due testi permette la comprensione dell’intero universo di Biagi, dagli altri romanzi ai singoli articoli di giornale scritti negli anni della sua lunga carriera. Giornalismo e storia non si fondono però solo nella narrativa di Biagi. E’ chiaro che Disonora il padre e I quattordici mesi possono essere considerati dei modelli, data la rilevanza dell’autore e delle due pubblicazioni, ma anche altri colleghi hanno scelto questa via nei loro scritti. Prendiamo come esempio un altro illustre giornalista coetaneo di Biagi, ovvero Giorgio Bocca 1 . Nato nello stesso anno di Biagi, anche lui ha fin da subito abbracciato la carriera del giornalista, interrotta poi a causa dello scoppio della guerra. Prima viene chiamato alle armi nel regio esercito nel corpo degli Alpini, poi alla firma dell’armistizio dell’8 settembre 1943 si reca in montagna con i partigiani. Essendo originario di Cuneo, la Resistenza di Bocca è ben diversa da quella di Biagi. Siamo infatti in un altro territorio, quello delle Alpi, condiviso con le brigate francesi. Questo periodo della sua vita Bocca decide di metterlo subito nero su bianco. Appena finita la 1 Giorgio Bocca (1920-2011) è stato uno scrittore e giornalista italiano. Originario di Cuneo, ha scritto per diversi importanti giornali come ad esempio «L’Espresso» ed è stato tra i fondatori de «la Repubblica». Ha lavorato anche in tv per alcuni programmi Mediaset. Nel 2008 ha ricevuto il premio alla carriera Ilaria Alpi, lo stesso consegnato tre anni prima anche a Enzo Biagi. Da giovane ha partecipato attivamente alla Seconda Guerra Mondiale con gli Alpini, ma poi si è unito alla Resistenza in seguito alla firma dell’armistizio dell’8 settembre del ’43. Per questo ha anche ottenuto la Medaglia d’argento al valor militare. Alle elezioni politiche del 1979 si presentò per il Senato tra le fila del PSI, non venendo eletto. Morì a Milano nel 2011 in seguito a una breve malattia.
Anteprima della tesi: Storia e giornalismo nella narrativa di Enzo Biagi, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Storia e giornalismo nella narrativa di Enzo Biagi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Antonelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Forme della comunicazione letteraria
  Relatore: Andrea Rondini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
giornalismo
narrativa
rai
biagi
l'espresso
enzo biagi
disonora il padre
i quattordici mesi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi