Skip to content

Alla ricerca del padre perduto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 ANTICHITA’ E MITO Zoja, per farci comprendere il padre oggi, ha scelto di dare ampio spazio all’antica Grecia perchØ facendo una storia psicologica il suo percorso si interessa piø di simboli che di concetti, piø di miti e meno di ragione. E’ infatti dalla Grecia che abbiamo ereditato le immagini mitiche, tra cui il mito del padre, e sono proprio queste immagini che abitano la psiche di tutti gli abitanti dell’Occidente, formando uno strato profondo immaginale. La comprensione del padre odierno può essere favorita anche dal fatto che la figura paterna greca attraversò una crisi analoga a quella della nostra epoca. Per l’uomo occidentale, l’orizzonte storico del padre, (intendendo per orizzonte il confine cui si può arrivare senza interruzioni) è quindi greco. In realtà anche il mondo romano è radice di quello euro-americano moderno e molte sue leggi e istituzioni, riguardanti proprio il padre, sono da ricondursi in esso. Tuttavia Roma nasce dopo i Greci e ne rappresenta una sua continuazione, pertanto mi pare interessante soffermarmi sulle tre figure appartenenti al mondo greco trattate dall’autore che rappresentano in maniera efficace il mito delle origini paterne : Ettore, Ulisse ed Enea, tre personaggi per alcuni aspetti molto diversi, ma accomunati dall’essere padre, dal progetto e dalla responsabilità. Ettore incarna il padre-guerriero, eroico, spesso sottoposto a tentazioni che stuzzicano l’ira, o che scaturiscono dalle novità, seduttrici ricorrenti di Ulisse; tuttavia egli è tentato soprattutto dal calore e dalla ragionevolezza delle donne. La sua figura però è mancante di “hibrys”, l’arroganza che può scompigliare come un cataclisma interno l’anima, quindi riesce a mantenersi razionale e a respingere senza moralismi le proposte di compromesso e le richieste d’affetto estranee al suo mondo di doveri: anzichØ far prevalere il suo essere maschio, si permette di perdersi, come padre, nel rapporto con il figlio. Ulisse invece, pur essendo re di una piccolissima isola poco rilevante a livello storico, è diventato un personaggio leggendario grazie alla sua novità psicologica, da attribuirsi al proprio essere contradditorio e quindi tanto simile a noi uomini comuni. Egli non è infatti eroico, se non in particolari circostanze: per il resto è ambivalente, spesso molto furbo, a volte scorretto. Riempie l’Odissea con le sue avventure ma, a differenza dell’eroe tradizionale o del benefattore, non è interessato alle azioni nobili in sØ, quanto al vantaggio immediato e alla vittoria in tempi lunghi. La figura di Ulisse è quindi molto complessa: è un padre che pensa sempre al ritorno, pur lasciandosi tentare da varie figure femminili e dalla curiosità di esplorare lo spazio, ma alla fine rappresenta il ritorno della responsabilità in età paterna. Enea viene infine a rappresentare la catena delle generazioni. L’immagine emblematica del rapporto verticale tra padri e figli si esprime chiaramente nella scultura, diventata famosa, del Bernini che vede Enea, in fuga con padre e figlio: le braccia dell’eroe fondatore – il destro che conduce il giovane Ascanio, il sinistro
Anteprima della tesi: Alla ricerca del padre perduto, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Alla ricerca del padre perduto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Alberti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Alberto Zatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 27

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

padre
figura paterna
antichità, mito e figura paterna
figura paterna e modernità
storia della figura paterna
evoluzione del padre
figura paterna dalla preisotria ai tempi moderni
padre perduto
padre di oggi
padre ritrovato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi