Skip to content

Dalla Produzione di Massa alla Produzione Flessibile

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
che meglio gli si adatti; egli sostiene che per qualsiasi tipo di lavoro, esistano degli “operai di prima categoria”: “ogni uomo è di prima categoria per qualche genere di lavoro e se cercherete abbastanza troverete senz’altro qualche genere di lavoro che è particolarmente adatto a lui ”. 12 In sostanza afferma che ogni uomo possa eccellere, e quindi essere di “prima categoria” in qualche lavoro, ma afferma anche che nessun uomo possa eccellere in tutte le mansioni; è compito quindi dei tecnici dell’organizzazione scientifica del lavoro stabilire dove e come collocarlo e rendere tale collocazione la più produttiva possibile. Essendo il personale dirigente impegnato in numerose e svariate mansioni, Taylor si rese conto che era necessario restringere le aree di competenza dell’organo direttivo e aumentare il numero di quadri intermedi. La tipica direzione basata sulla gerarchia militare viene a mancare e si sostituisce con quella di tipo funzionale, dove gli operai risultano essere subordinati a più superiori, ciascuno dei quali sarà responsabile per un aspetto particolare del lavoro, e non più ad un unico capo. T. Detti e G. Gozzini, ci spiegano meticolosamente questo nuovo sistema di management, per cui: “la fabbrica doveva essere diretta da un ufficio di programmazione costituito da tecnici-manager, che scomponeva nei minimi dettagli tutte le fasi del ciclo produttivo, attribuiva a ogni operaio mansioni parecchio delimitate e ne prestabiliva meticolosamente i singoli gesti e i tempi necessari per ottenere rendimenti ottimali. Si realizzava così una divisione del lavoro fondata su una gerarchia e una disciplina molto rigide, che toglieva ai lavoratori ogni autonomia e concentrava tutti i poteri decisionali nelle mani della direzione. ”. 13 La parcellizzazione delle mansioni, la privazione della autonomia nei lavoratori, e l’accentramento dei poteri decisionali alla direzione, tipiche dell’Organizzazione Scientifica del Lavoro, si legittimano nel ricorso alla scienza, in particolare nella “One best way”: per il compimento di un lavoro esiste sempre una, e una sola, “via migliore” per compierlo, come per la risoluzione di un problema esiste sempre una, e una sola, soluzione ottimale; tale via e tale soluzione possono essere raggiunte solo facendo riferimento alla scienza, impiegando quindi metodi scientifici di ricerca. La ricerca della one best way è la ricerca del modo più conveniente ed economico per compiere una data operazione, inoltre, oltre che garantire una maggiore efficienza dell’organizzazione produttiva, potrebbe anche risultare come una soluzione ottimale di risoluzione dei problemi tra le parti dato che porta con sé una superiorità sia politica che sociale, perché la pseudo-scientificità che la caratterizza la fa apparire al di sopra delle parti: tutti devono adeguarsi alle norme e ai limiti dettati dalla scienza, tutti devono quindi adeguarsi alla one best way. Taylor disse che “l'uomo che si trova alla testa dell'azienda è sottoposto come l'operaio alle regole che sono state sviluppate attraverso migliaia di esperimenti, e le norme che sono state sviluppate sono eque. Il codice delle leggi è giusto, e quelle questioni che con gli altri sistemi sono oggetto di giudizio arbitrario e perciò possono portare a disaccordi, sono state oggetto del più accurato e attento studio al quale hanno preso parte sia il lavoratore che la direzione, portando alla soddisfazione di entrambe le parti. ”. Le soluzioni che trova la one best way sono soluzioni imparziali, che non 14 favoreggiano né il lavoratore né la direzione, ma nemmeno li contrastano; è una regola Frederick Taylor, L’Organizzazione Scientifica Del Lavoro, Milano, Etas Kompass, 1967 - pag. 347 12 Tommaso Detti e Giovanni Gozzino, Storia Contemporanea: L’Ottocento, Milano, Bruno Mondadori, 2011- pag. 223 13 Frederick Taylor, L’Organizzazione Scientifica Del Lavoro, Milano, Etas Kompass, 1967 - pag. 357 14 9
Anteprima della tesi: Dalla Produzione di Massa alla Produzione Flessibile, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Dalla Produzione di Massa alla Produzione Flessibile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Guiso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Cecilia  Ferrai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

just in time
lean production
toyotismo
ford
taylor
taylorismo
produzione di massa
catena di montaggio
produzione flessibile
model t

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi