Skip to content

Mappatura morfo-sedimentologica e classificazione degli impatti antropici presenti nelle praterie di Posidonia oceanica del Canale di Buccinara (Arcipelago di La Maddalena).

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena”. Il tipo di turismo che si è andato a sviluppare però non rivolge particolari attenzioni alla natura. Si è difatti scelto di perseguire il modello di sviluppo della “Costa Smeralda” basato su un’intensa espansione urbana sulla costa. Alberghi, villaggi turistici, bed and breakfast, campeggi, seconde case, porti turistici, sono stati edificati per riuscire ad ospitare il sempre più crescente numero di presenze turistiche, il quale nell’anno 2016 si attesta a 511 mila presenze per Palau (a fronte di 4.207 residenti) e 169 mila a La Maddalena (a fronte di 11.248 residenti). La presenza di un Parco Nazionale dovrebbe in qualche modo limitare l’impatto umano per permettere una maggiore preservazione, tutela e valorizzazione del territorio. Dal numero di autorizzazioni concesse per poter sostare nell’area “protetta” sembrerebbe, invece, che gli obiettivi economici prevalgano su quelli ecologici. Nel 2017 sono state autorizzate 82 ditte adibite al noleggio e locazione di imbarcazioni le quali, nella loro totalità, potrebbero portare fino 2302 persone al giorno nelle isole. Tre invece sono le ditte composte da imbarcazioni più grandi autorizzate a trasportare fino 1000 persone (79). Questo vuol dire che se tutte queste imbarcazioni, adibite al noleggio o al trasporto, fossero al completo, le aree protette accoglierebbero 3302 persone al giorno, e cioè 198.120 persone in due mesi. A questi numeri vanno aggiunti poi le autorizzazioni concesse ai diportisti privati: 16.714 nel 2011, 14.917 nel 2012 e 12.564 nel 2013 (79). Ciò sta a significare che se ciascuna imbarcazione ormeggiasse una solta volta in una sola baia (ma così non è) si calerebbero ogni giorno 13.564 ancore. Questo tipo di turismo “di massa” ha in qualche modo accentuato la percezione che le spiagge costituite da sola sabbia bianca siano quelle più “pulite” e quindi quelle meglio governate. Si sono quindi attivate intense operazioni di pulizia su tutte le spiagge della Gallura, con lo scopo di asportare non solo i rifiuti umani ma anche le “erbacce terrestri”, il legname proveniente dal mare e il fogliame di Posidonia oceanica spiaggiato (la cosiddetta “banquette”). Non si comprende però se questa visione sia ampiamente condivisa dal pubblico o sia condivisa solo da una minoranza e se questa percezione sia spontanea oppure costruita artificialmente dai tour operator e dai comuni costieri (7). Sta di fatto che ingenti quantità di materiali preziosi per la protezione della spiaggia e delle coste, vengono ogni anno rimossi da mezzi meccanici e da personale con poca competenza scientifica.
Anteprima della tesi: Mappatura morfo-sedimentologica e classificazione degli impatti antropici presenti nelle praterie di Posidonia oceanica del Canale di Buccinara  (Arcipelago di La Maddalena)., Pagina 4

Informazioni tesi

  Autore: Myriam Stelletti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Ambientali
  Corso: Scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio
  Relatore: Sandro De Muro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impatti antropici
posidonia ocenica
parco nazionale dell'arcipelago di la maddalena

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi