Skip to content

L'Impero del Brasile: una Monarchia americana

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 pugnale nella gola, unica parte del suo corpo che fosse vulnerabile, perché Viriate non lasciava mai la sua propria corazza.” 14 Il loro tradimento non portò loro ricchezze ma bensì la morte, perché tornati dai Romani per riscuotere quanto loro promesso, ricevettero come risposta dal Console “che Roma stimava troppo Viriato, per ricompensare coloro, che punto non avevano arrossito di levarlo proditoriamente di vita e loro ordinò sotto pena di morte di uscire da Roma.” 15 Con l’uccisione di Viriato, morì quello che venne considerato idealmente come il primo “Re dei Lusitani”, perché fu colui che postosi a capo del popolo lo condusse a sfidare lo strapotere romano, in cerca di una propria identità e della libertà. Ma la resistenza ai Romani, non fu opera solo di Viriato, perché era cominciata già prima della sua nascita e continuò anche dopo la sua morte. Infatti tra l’80 e il 72 a.C. Quintus Sertorius, 16 un politico romano, appena Lucius Cornelius Silla 17 ottenne il potere a Roma, si rifugiò nella penisola iberica, da dove iniziò a dare un forte contributo al popolo lusitano sempre in lotta contro l’Impero, portandolo alla vittoria per ben due volte sulle legioni romane guidate da Quintus Caecilius Metellus 18 prima e Gnaeus Pompeius Magnus 19 dopo, venendo però successivamente tradito e ucciso da un suo luogotenente nel 72 a.C. La Lusitania restò una provincia romana, fino agli inizi del 400 d.C., quando l’Europa venne sconvolta dalle invasioni barbariche, e fu il popolo suebo, 20 in fuga dagli Unni, guidato da Re Ermerico, 21 uno dei primi a ribellarsi all’Impero, ad occupare la Lusitania. I Suebi, che entrarono nella penisola iberica insieme agli Alani ed i Vandali, furono gli unici che formarono un organizzazione politica, infatti Paulus Orosius 22 14 BASSERIS L., “I Martiri della libertà”, Perrin, Torino, 1851, p. 304. 15 BERTOLOTTI D., “Storia di Portogallo dai primi tempi sino ai di nostri tratta dal La Clede, dal Vertot, dal Durdent, dal Balbi e da altri autori per cura di Davide Bertolotti in continuazione al compendio della storia universale del sig. conte di Segur”, Ranieri Fanfani Vendesi da Fusi Stella e compagni, Milano, 1824, p. 33. 16 Quinto Sertorio (Nursia,126 a.C. - 72 a.C.), fu militare e politico della Repubblica Romana. 17 Lucio Cornelio Silla (Roma,138 a.C. - Cuma,78 a.C.), fu militare e dittatore romano. 18 Quinto Cecilio Metello (250 a.C. circa - 75 a.C.), fu militare e politico romano 19 Gneo Pompeo Magno (Picenum,106 a.C. - Pelusio,48 a.C.), fu militare e politico romano 20 Suebi o Svevi erano un popolo barbaro di origine germanica proveniente dalle terre lambite dal Mar Baltico. 21 Fu Re dei Suebi di Gallaecia, dal 409 al 441, nel 438 a causa di una grave malattia che lo afflisse fu costretto ad affiancarsi al trono il figlio Rechila, che divenne Re successivamente alla morte del padre. 22 Paolo Orosio (Braga,375 - 420), fu presbitero, storico, apologeta romano e discepolo di Sant’Agostino d’Ippona, su invito del quale redasse gli “Historiarum adversos paganos libri VII”, complemento storiografico alla sua opera “De civitate Dei”.
Anteprima della tesi: L'Impero del Brasile: una Monarchia americana, Pagina 7

Preview dalla tesi:

L'Impero del Brasile: una Monarchia americana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Mazzarelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Silvio Berardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brasile
teresa cristina maria di borbone
pedro i
pedro ii
“le noites das garrafadas”
libero gadaro'
“inconfidencia mineira”
“conjuracão baiana”
le grandi scoperte geografiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi