Skip to content

Il mito di Perseo nelle Genealogie deorum gentilium di Giovanni Boccaccio

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 A questo primo tentativo di reinterpretazione sistematica delle Metamorfosi nel loro complesso, seguono, nel XIII secolo, gli Intergumenta Ovidii, in versi, dell’inglese Giovanni di Garlandia 18 e, all’inizio del XIV secolo, lo sterminato poema in francese antico, composto da un anonimo frate francescano, conosciuto sotto il titolo di Ovide moralisé. L’autore, dichiarando esplicitamente che «tutto nelle Metamorfosi è per nostro insegnamento», attraverso il suo lavoro esegetico, riesce a ritrovare nel poema ovidiano l’intera dottrina cristiana e addirittura un simbolico accenno alla stessa Bibbia: Andromeda diventa la rappresentazione dell’anima umana caduta nel peccato, una nuova Eva; Perseo, il suo liberatore, allegoria di Cristo mosso a compassione che si eleva, attraverso Pegaso, per salvarla dal diavolo cui è esposta a causa dei suoi peccati 19 . L’associazione di Pegaso a Perseo nella liberazione di Andromeda, che avrà grande fortuna nella pittura rinascimentale, trova nell’Ovide moralisé la sua prima attestazione. Attraverso questo poema in lingua d’oïl, che rilegge le Metamorfosi nell’ottica di una sua integrazione nell’ideologia cristiana, «si ha una visione piuttosto precisa di cosa s’intenda per translatio studii e come essa abbia garantito la sopravvivenza degli antichi dei fino al risveglio filologico dell’umanesimo rinascimentale» 20 . 2. L’interpretazione dei miti pagani nel XIV secolo: la compresenza di tradizioni antinomiche e contraddittorie. 2.1 La tradizione scolastica: le Allegoriae Ovidianae di Giovanni del Virgilio e il volgarizzamento di Giovanni dei Bonsignori. Negli stessi anni, ma più vicino alla tradizione scolastica medievale, Giovanni del Virgilio, professore presso lo Studio Bolognese con il titolo di magister ad poesim come perdita di umanità e infelicità, è di per se una punizione. Arnolfo nella terza allegoria del libro XIV riprende esattamente l’interpretazione di Boezio: i compagni di Ulisse, trasformati da Circe, divengono nel loro furore amoroso iracondi come un leone, paurosi come cervi, sporchi come maiali, con la differenza però, che Arnolfo ora interpreta la metamorfosi fisica in Ovidio come l’allegoria di una metamorfosi spirituale». Paule Demats (cfr. Demats 1973, 137 e segg.) ha dimostrato che Arnolfo, con il concetto della mutatio moralis si rifà alla tradizione esegetica neoplatonica delle scuole di Chartres e di Orléans, dove alle idee neoplatoniche della caduta e della trasmigrazione delle anime si era dato un significato traslato. 18 Cfr. Ghisalberti 1932 2 . 19 Cfr. Ovide Moralisè, IV 6862-7073. 20 Cfr. Capelli 2012, 6.
Anteprima della tesi: Il mito di Perseo nelle Genealogie deorum gentilium di Giovanni Boccaccio, Pagina 7

Preview dalla tesi:

Il mito di Perseo nelle Genealogie deorum gentilium di Giovanni Boccaccio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Lombardo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Italianistica, culture letterarie europee e Scienze Linguistiche
  Relatore: Daniele Pellacani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giovanni boccaccio
mito di perseo
riscrittura mitologica
citazioni autoriali
interpretazione del mito
rinnovamento della tradizione mitografica
genealogie deorum gentilium
presentimenti preumanistici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi