Skip to content

Famiglia e Successioni in Ungheria tra tardo Medioevo e prima Età moderna: il Tripartitum di Istvan Werboczy (1517)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
13 In tertiis, come già accennato sopra, il lavoro di Istvan Werboczy si focalizza quasi esclusivamente sul mondo della nobiltà ungherese, originata da una casta di guerrieri tramutatisi in proprietari terrieri nel corso del Basso Medioevo 12 : egli tratta della origine di questa classe, così come delle proprietà, dello status da loro posseduto e, per ciò che più ci riguarda, delle norme concernenti rapporti di famiglia ed eredità, potendo opportunamente essere considerato come riflettente, per la maggior parte, le fattuali condizioni, norme e rapporti interni della nobiltà ungherese, pur con le dovute precisazioni 13 di cui parleremo durante l’analisi dei singoli istituti. È doveroso, tuttavia, sottolineare come il populus werboczyanus, la nobiltà ungherese legata all’autorità regale, costituisse appena il 5% del totale degli abitanti del Regno. La popolazione non appartenente al ceto nobiliare era peraltro non esclusivamente magiarofona: tralasciando gli Székely, di cui sopra, e varie popolazioni nomadi (Jazyg e Cumani) che furono quasi subito magiarizzate, abbiamo popolazioni provenienti dai Paesi Bassi e dalla Renania (i “Sassoni” di Transilvania) parlanti tedesco, oltre, naturalmente, a popolazioni romene nelle terre orientali e sudorientali del Regno, dotate di autonomia in quanto riguarda l’amministrazione e la giurisdizione a livello locale 14 . Per questo verrà dato conto, al termine del lavoro, di brevi cenni sul diritto successorio e familiare delle popolazioni romene residenti nelle terre appartenenti al Regno d’Ungheria. Avendo compiuto la mia esperienza di studio all’estero nella città di Timisoara, che appartiene alla Romania dal 1920, ma che al tempo della compilazione del Tripartitum era una delle più importanti città del Regno magiaro, ritengo opportuno dar conto anche di quali fossero le consuetudini che regolavano la vita degli abitanti di etnia romena nel Regno. Anticipo fin d’ora che, in relazione a questi cenni, si parlerà prettamente di consuetudini, non esistendo, al tempo del Tripartitum, alcuna codificazione o raccolta normativa in relazione alla vita giuridica delle popolazioni romene (ma il discorso è valido anche per le altre etnie abitanti il Regno). Il mos Olachorum (consuetudine dei Valacchi, cioè dei Romeni), o, in lingua slava, zakon Vlahom 15 regolò fino all’epoca moderna la vita delle popolazioni in questione. Esso non perse efficacia nemmeno con l’apparizione, ormai nel XVII secolo inoltrato, nelle Tarile Romane (terre romene, Valacchia e Moldavia), delle prime legislazioni laiche codificate, che comunque dovettero sempre arretrare dinanzi al diritto consuetudinario 16 . È comunque importante rilevare che in ambito matrimoniale, familiare in generale e di diritto successorio, le consuetudini si limitavano ad “abbellire” quanto disposto dai canoni della Chiesa Ortodossa di rito greco orientale 17 . 12 Il primo stanziamento delle popolazioni nomadi di ceppo etnico-linguistico turco (Onogur) e finno-ugrico (Magyar), diventate in breve tempo un unico popolo, data all’896. Si veda RADY, Courts, Texts and the Tripartitum, op. cit., p. 1. 13 E. FUEGEDI, Az Elefanthyak. A koezepkori magyar nemes es klanja, Budapest,1992, trad. ingl. The Elefanthy. The Hungarian Nobleman and His Kindred, a cura di Csaba Farkas e Frank Schaer, Budapest, 1998, pp. 18-19. 14 RADY, Courts, Texts and the Tripartitum, op. cit., pp. 5-7. 15 V. HANGA, Les institutions du droit coutumier roumain, Bucuresti, 1988, pp. 44-46. 16 Ibidem, pp. 133-134. 17 Ibidem, pp. 89-90.
Anteprima della tesi: Famiglia e Successioni in Ungheria tra tardo Medioevo e prima Età moderna: il Tripartitum di Istvan Werboczy (1517), Pagina 6

Preview dalla tesi:

Famiglia e Successioni in Ungheria tra tardo Medioevo e prima Età moderna: il Tripartitum di Istvan Werboczy (1517)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emilio Caramico
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Angela Maria Santangelo Cordani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia del diritto
ungheria
romania
diritto consuetudinario
diritto comune
diritto successorio
diritto familiare
storia del diritto comparata
istvan werboczy
storia del diritto europeo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi