; Skip to content

Il tema iconografico della ''Cavea cum ave inclusa'' a Roma e nel Lazio tra XII e XIII secolo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 ma come luogo che «riscalda, nutre, abbraccia e conduce alla pienezza della perfezione e rende degni del colloquio con Dio» e quindi «lo spirito che prega o anche l’anima che esce dal corpo non trova lunga e difficile la via dalla cella al cielo. Dalla cella infatti si sale sovente al cielo» 22 . Egli, parafrasando il testo originale di Ambrogio nel De bono mortis esorta i certosini di Mont-Dieu a cancellare i pensieri orgogliosi considerando che essi sono niente di più che belve in gabbia 23 . Il concetto del monastero come carcer sottolinea la stabilità a cui sono richiamati i monaci 24 che perseguono la contemplazione ascetica entrando nel monastero «come in una prigione a cielo aperto» 25 . Il monaco benedettino Pietro di Celle, come anche Guglielmo di Saint-Thierry, riteneva fermamente che il monastero, per un uomo senza vocazione, rappresentasse una prigione senza luce, una tomba soffocante 26 . Carcere claustrale che effettivamente poteva essere angusto nello spazio a propria disposizione, se non tenebroso, ma la vita del monaco nascosta nell’ombra era necessaria per il futuro splendore della celeste Gerusalemme che lo attendeva: «Si carcer nos pro Deo tenebrosus recluda, sed edificata auro vel gemmi set margaritis ornata aeterna nos Hierusalem expectat» 27 . Il De Avibus scritto da Ugo di Fouilloy 28 , datato tra il 1122 e il 1125, è un’ intera opera basata su questa metafora del clero paragonato ai volatili. Fu un’ opera che ebbe un’ importante circolazione nel XII e XIII secolo, soprattutto in ambiente 22 GUGLIELMO DI SAINT THIERRY,Epist. Ad frates de Monte Dei, 12, ed.M.-M. Davy, in Etudes de philosophie mèdièvale. XXIX, I; ed. trad. in italiano: Lettera d’oro a cura di C.Falchini in I Mistici, Milano 1997. 23 Ibid. «Feras uos potius indomita set incaueatas et bestias quae aliter et communi hominum more domari non poterant, estimate et appellate» 24 La cella trattiene gli instabili ed è «claustrum veritur in ergastolum» per coloro che non sono fervidi, come leggiamo in Aelredo di Rievaulx citato da M. Mihaly in appunti sul tema della cavea cum ave inclusa, p.894. 25 «Quod maius miraculum, quando tot iuvenes, tot adolescentes, tot nobiles, universi denique quos hic video, velut in carcere aperto tenentur sine vinculis, solo Dei timore confixi?» : S.BERNARDO in Dedicazione ecclesiae, I, 2, in PL,183, 519C ; PENCO 2008, p. 260. 26 «Infernum sine consolazione, patibulum sine releuamine, carcerem sine lumine, sepultum sine respiramine», PIETRO DI CELLE, De afflictione et lectione ed.J.LECLERQ, La spiritualité de Pierre de Celle, Paris 1946, p. 233. 27 Regula Magistri, 90, ed. VANDERHOVEN-MASAI, Bruxelles, 1953, pp. 295-296. 28 The Medieval book of birds: Hugh of Fouilloy's De avibus,ed. e trad. W.B.CLARK , New York, 1992. Ugo da Fouilloy, che esercitò la funzione di priore dal 1152 al 1174, è autore anche dell’opera dal titolo significativo, in relazione alla nostra ricerca, De claustro animae in PL. 176.
Anteprima della tesi: Il tema iconografico della ''Cavea cum ave inclusa'' a Roma e nel Lazio tra XII e XIII secolo, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Il tema iconografico della ''Cavea cum ave inclusa'' a Roma e nel Lazio tra XII e XIII secolo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Maria Faccia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Giulia Bordi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

iconografia
iconografia medievale
mosaico
cavea cum ave inclusa
tre fontane
uccello in gabbia
cattedrale di terracina
aula gotica
medieoevo
roma medievale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi