Skip to content

La Rivista Al-Qibla. La propaganda Hascemita dal Nazionalismo Arabo al patriottismo giordano

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Una luna sorse dal petto del sant'uomo e s'immerse nel petto di Osman. Un albero, poi, germogliò dal suo ombelico e la sua ombra delimitò il mondo. Sotto quest'ombra c'erano montagne, e ruscelli scorrevano ai piedi di ciascuna montagna. Alcuni si dissetavano alle acque correnti, altri irrigavano i giardini, altri ancora costruivano fontane 5 . Al risveglio Osman raccontò il sogno al predicatore il quale lo informò di aver appena ricevuto un’investitura divina. «Osman, figlio mio, congratulazioni: Dio ha affidato a te e ai tuoi discendenti la carica imperiale e mia figlia Malhun sarà la tua sposa 6 ». Un’allucinazione in base alla quale Osman ottenne autorità temporale e divina e, con il benestare di Dio, estese i confini del suo impero verso occidente, ai limiti di quello bizantino, come previsto dal suo sogno. Infatti, nel corso dei secoli i ruscelli e le montagne del mito fondativo vennero assimilati ai fiumi Tigri, Eufrate, Nilo e Danubio e alle catene montuose del Caucaso, del Tauro, dell'Atlante e dei Balcani. Al di là delle leggende, Osman fece la sua comparsa nella storia ufficiale nel 1301, quando, secondo uno storico bizantino a lui contemporaneo, Giorgio Pachimere 7 sconfisse i Bizantini a Bafeo 8 . Realisticamente parlando, si potrebbe supporre che l’impero Ottomano abbia avuto inizio come molti altri stati turchi in quel periodo. Le popolazioni turcofone provenienti dall’Asia Centrale vennero in contatto con la civiltà islamica già a partire dal X secolo, quando i turchi venivano acquistati o catturati per divenire guardie imperiali dei califfi o soldati-schiavi al servizio dei signori della guerra, chiamati appunto Mamelucchi – dall’arabo mamlūk “schiavo”, “posseduto”. Poiché il possesso di truppe mamelucche era considerato simbolo di potere, queste cominciarono presto ad impadronirsi dello stesso potere che rappresentavano. Alcuni di loro infatti deposero i loro signori nel 1250 e governarono piuttosto autonomamente l’Egitto sino al 1517. Dall’XI secolo poi, intere orde turche cominciarono a penetrare il Medio Oriente. Cambiamenti climatici, pressione demografica, minaccia cinese sono tutte possibili cause di questa emigrazione verso sud-ovest; quel che è noto è che i pastori nomadi turchi rimasero stupiti dalla magnificenza della civiltà dell’Islam e decisero di farne parte. Le tribù più potenti stabilirono il loro dominio su porzioni di territorio divenute principati turchi; tali principati ebbero vita breve e travagliata: l’inferiorità numerica dei dominatori turchi rispetto alle popolazioni dominate, la riottosità delle tribù, l’instabilità di confini e il totale vuoto amministrativo resero impossibile stabilire entità statali durature e stabili. Eccezione va fatta per due Stati turcomanni destinati ad avere, al contrario, una straordinaria fortuna: quello safavide e quello ottomano, per l'appunto. A cavallo tra i secoli XIII e XIV in Anatolia, allora terra di frontiera senza legge, alcuni eventi portarono alla gloria «Ghazi» Osman e il suo esercito di guerriglieri noti appunto come ghazi, 5 James L Gelvin, Storia del Medio Oriente moderno, Einaudi, Torino, 2009, p. 35 6 «Osman, my son, congratulations, for God has given the imperial office to you and your descendants and my daughter Malhun shall be your wife». Caroline Finkel, Osman’s Dream. The History of the Ottoman Empire 1300- 1923.Cap.1 ed. EPUB. 7 Gàbor Àgoston/Bruce Masters, Encyclopedia of the Ottoman Empire, Facts on File, New York, 2008, p. 445 8 Caroline Finkel, Osman’s Dream. The History of the Ottoman Empire 1300-1923, Cap. 1 ed. EPUB
Anteprima della tesi: La Rivista Al-Qibla. La propaganda Hascemita dal Nazionalismo Arabo al patriottismo giordano, Pagina 7

Preview dalla tesi:

La Rivista Al-Qibla. La propaganda Hascemita dal Nazionalismo Arabo al patriottismo giordano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Salaris
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Studi Umanistici
  Corso: Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale
  Relatore: Angela Daiana Langone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rivolta araba
nazionalismo arabo
lingua araba
critical discourse analysis
al-qibla
grande rivolta araba
ḥusayn ibn ʻalī al-hāšimī
sceriffo della mecca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi