Skip to content

Il terremoto in Calabria del 1783. Dalla Catastrofe alla ricostruzione

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il titolo dovrebbe subito richiamare alla mente le tragiche ore di spavento e di morte sofferte dalla gente di Calabria, durante il disastroso terremoto del 1783. La tesi contiene Memorie, relazioni e notizie storiche che sono state raccolte da Opere reperite nelle varie biblioteche e archivi della Calabria ed in particolar modo della Città di Catanzaro. Certo, le indagini sugli avvenimenti del passato seppur scrupolose ed accurate non sempre raggiungono la meta fissata. Ripercorrere un cammino così lungo rivivere vicende cariche di indicibili dolori che videro intere Città e paesi ridursi in cumuli di macerie in pochi attimi va al di là della buona volontà di chi scrive. Nonostante le difficoltà anche emotive che si hanno nel trattare simili argomenti in particolar modo per chi li narra essendo abitante di quei luoghi, si può affermare che a fondamento di tale scritto vi sia la passione, passione verso la Calabria e verso l'insegnamento didattico ma che nulla di concreto sarebbe diventato senza quella sana voglia di analizzare fatti un po' lontani nel tempo, cercando di trarre quanti più insegnamenti possibili. Siamo in Calabria, è il 1783 sul trono di Napoli siedono i Borbone. Carlo secondogenito del Re di Spagna, nel 1734 diverrà Re di Napoli e Sicilia, nel 1759 a causa della morte del fratello primogenito Ferdinando VI morto senza lasciare eredi, diventerà Re di Spagna. Carlo, si troverà quindi a dover cedere la Corona napoletana a Ferdinando il quale prenderà il nome di Ferdinando IV regnando sino al 1825 e passando anche per l'unificazione del Regno di Sicilia con quello di Napoli avvenuta nel Congresso di Vienna del 1816. Essendo ancora in età puerile al Re venne affiancato un Consiglio di Reggenza e tra le personalità che ne fecero parte si distinse Bernardo Tanucci per la sua forte impronta laica volta ad imporre la superiorità dello Stato nei confronti dei privilegi feudali nobiliari ed ecclesiastici. Aiuterà la lotta contro i privilegi ed i possedimenti ecclesiastici anche l'allontanamento dal Regno di Napoli dei Gesuiti. Le politiche antifeudali adottate dai Borbone di Napoli, incentivarono un fervido movimento di idee anche figlie dell'Illuminismo che si articolarono in una volontà riformatrice in ogni settore in modo più o meno radicale. Il vento di cambiamento che soffiò anche sul Mezzogiorno italiano sfociò in un'esperienza carica di aspettative ma tragica quale la Rivoluzione Sanfedista 1 . Nel 1783 il Sud Italia è quindi diviso tra classi povere e ricche, oppressione e benessere con ancora ben presente un sistema feudale che nella Provincia di Calabria Ultra assoggettava oltre trecentododici mila anime, impedendo un reale ed armonioso sviluppo della zona. Anche Ferdinando Galiani, evidenziava la prepotenza dei baroni, la soverchia ricchezza delle mani morte e la "sporchezza" delle Corti tra i grandi mali della Calabria. Poche terre erano destinate alla sussistenza delle popolazioni contadine ma nonostante tali problematiche strutturali ormai da tempo presenti, il 1783 parrebbe un anno come un altro che vedrebbe viaggiatori arrivare in Calabria da ogni dove, assolutamente aperti a giudicare positivamente questa terra, andando a scontrarsi spesso con chi preferiva non giungere fino in Calabria basandosi sui luoghi comuni che la circondavano. Già in passato le coste, i monumenti a cielo aperto lasciati dai vari popoli e la bellezza dei paesini incastonati tra le montagne e il mare o sulle colline dell'appennino calabro-lucano facevano restare a bocca aperta i molti che avevano la fortuna ed il coraggio di spingersi 1 La Rivoluzione Sanfedista scoppiò nel gennaio 1799 e sulla controffensiva francese i quali erano stati attaccati dai Borbone intervenuti in difesa di Roma che era stata assediata dai francesi costrinsero Ferdinando IV a ritirarsi in Sicilia. A Napoli fu proclamata la Repubblica sulla scia di quella francese proclamata nel 1798. Tale movimento però fu visto contrariamente dalla popolazione mentre le classi agiate guardavano con favore all'instaurazione di questo nuovo Regime. Il Cardinale Fabrizio Ruffo fu a capo dell'Armata Cristiana e Reale composta da contadini, borghesi, ufficiali e preti che abbandonarono tutto e combatterono finché a Napoli non fu ripristinata nuovamente la Monarchia con a capo i Borbone. La Rivoluzione ebbe fine nel giugno dello stesso anno. 1
Anteprima della tesi: Il terremoto in Calabria del 1783. Dalla Catastrofe alla ricostruzione, Pagina 2

Preview dalla tesi:

Il terremoto in Calabria del 1783. Dalla Catastrofe alla ricostruzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Elia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Giuseppe Gangemi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi