Skip to content

Viaggio attraverso la traduzione e sottotitolazione di quattro cortometraggi tra inglese, spagnolo e italiano

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 significasse interpretare il testo di partenza al fine di produrre una versione di arrivo che fosse basata sul senso espresso dall’autore. Nel periodo di maggior diffusione del Cristianesimo la traduzione venne utilizzata con lo scopo di divulgare il vangelo di Cristo, dovendo rispondere a precisi criteri estetici e religiosi. È San Girolamo, patrono dei traduttori, che alla fine del III secolo d.C. traduce una parte della Bibbia seguendo il pensiero di Cicerone e Orazio, prediligendo quindi il senso più “liberale” a quello strettamente “letterale”. La sua versione passerà alla storia col nome di Vulgata. 12 Dopo la caduta dell’Impero romano, nasce l’esigenza che anche il popolo possa comprendere, per questo, accanto alle lingue della cultura, il greco e il latino, si crea un binomio con i volgari che porta al fenomeno della volgarizzazione, particolarmente sentito da Sant’Agostino. Egli dà una definizione ante litteram dell’interpretante come entità mentale che funziona da ponte tra pensiero e parola, quando scrisse che «la nostra sola ragione di [...] produrre segni, è quella di rendere chiari e di trasferire nello spirito altrui ciò che porta nel proprio spirito chi produce il segno». 13 Si distingue quindi tra “traduzione orizzontale”, ossia tra lingue di pari dignità – i volgari – e la “traduzione verticale” tra latino e volgare. 14 Altra grande influenza ebbe Dante Alighieri, il quale conferì uno status più elevato alla lingua volgare, facendo del bilinguismo – il volgare come lingua naturale e il latino come lingua artificiale -, tipico degli intellettuali italiano del Trecento, strumento della comunicazione. Anche Giovanni Boccaccio, nel Trecento, utilizza il volgare per rivolgersi a un pubblico sempre più vasto, traducendo un gran numero di classici e teorizzando la traduzione libera rispetto alla letteralità. È però con Leonardo Bruni e il suo De interpretatione recta del Quattrocento che si afferma una visione più autonoma della traduzione, quale esempio sia di trasferimento linguistico che di attività creativa. Infatti, sempre in questo secolo, il termine traductio verrà a ricomprendere un intero processo che va dalla imitazione, alla conversione, alla rielaborazione e al rendere, introducendo una specificità nel termine che designa l’attività del tradurre. Altri eventi fondamentali modificano il ruolo della traduzione: l’invenzione della stampa, sempre nel Quattrocento, che consente una diffusione ad ampio raggio del sapere, l’affermazione delle lingue nazionali, i primi studi sulla traduttologia, in particolare quella francese grazie a Estienne Dolet: una nota dolente su quest’ultimo è che venne accusato di blasfemia e condannato al rogo per aver modificato una frase sull’immortalità dell’anima nella traduzione dell’Assioco della morte di Platone. Egli sottolinea l’importanza della leggibilità di un testo tradotto e la necessità di semplificare testi troppo complessi per un pubblico medio, consentendo una lettura agevole ma di contenuto. Anche la riforma protestante di Martin Lutero che nel Cinquecento traduce la Bibbia in tedesco, oltre ad altri testi sacri, porta a una profonda trasformazione sia della cultura che della religione. Egli, dopo le numerose critiche per aver tradotto la parola di Dio discostandosi dal testo originale, scrisse la Lettera circolare sulla traduzione dove difende le proprie scelte traduttologiche secondo il criterio dell’accettabilità, portando il testo di partenza verso la cultura di arrivo 15 poiché la sua intenzione è quella di privilegiare la comprensibilità da parte di un numero il più elevato possibile di lettori. 12 Georges Mounin, Teoria e storia della traduzione, Einaudi, Torino, 1965 13 Agostino, De doctrina cristiana, II, 3, citato in Bruno Osimo, Storia della traduzione, Hoepli, Milano, 2002, pag. 16 14 Bruno Osimo, Storia della traduzione, Hoepli, Milano, 2002 15 Bruno Osimo, Il manuale del traduttore, Hoepli, Milano, 2011
Anteprima della tesi: Viaggio attraverso la traduzione e sottotitolazione di quattro cortometraggi tra inglese, spagnolo e italiano, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Viaggio attraverso la traduzione e sottotitolazione di quattro cortometraggi tra inglese, spagnolo e italiano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Mascia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Studi Umanistici
  Corso: Traduzione e Interpretazione
  Relatore: Daniela Zizi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

traduzione
interlinguistica
sottotitolazione
cortometraggi
gottlieb

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi