Il concetto di parlamentarismo nella teoria dello Stato kelseniana: la difesa della democrazia negli scritti politici 1920-1933

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

70 elezione plebiscitaria; al governo parlamentare si sostituì una sorta di governo presidenziale indipendente dai partiti. Il presidente Hindemburg nel giugno 1932 nominò come nuovo capo del governo von Papen, ma, prima che questo governo potesse ricevere un voto di sfiducia, sciolse il Parlamento e indisse nuove elezioni. In queste elezioni la N.S.D.A.P. ottenne il 37,2% dei voti e divenne il partito di maggioranza relativa; la ‘socialdemocrazia’ non era più in grado di funzionare, era quasi finita prima ancora dell’arrivo al potere del nazismo; il generale von Schleicher, che fu nominato cancelliere il 3 dicembre 1932, non amava il regime democratico, anche se non aveva la forza di imporre un regime autoritario. 48 Il disfacimento del sistema democratico tedesco appare ben chiaro il 30 gennaio 1933, quando il vecchio generale Hindemburg nominò cancelliere del Reich Adolf Hitler della ‘Nationalsozialistische Deutsche Arbeitpartei’. Il nuovo governo nazionalsocialista nella sua azione repressiva contro i partiti dell’opposizione democratica puntava ad imporre al paese un partito unico; in base all’articolo 48 della Costituzione fu limitata la libertà di espressione, di stampa, di riunione e di associazione. Alle elezioni del 5 marzo 1933 al 44% dei voti del partito nazionalsocialista si aggiunse l’8% del ‘partito tedesco-nazionale’, così Hitler raggiunse quella maggioranza assoluta che gli lasciò nelle mani i pieni poteri: la maggioranza parlamentare il 24 marzo 1933 non solo conferì al governo una potestà legislativa, ma anche una potestà costituzionale. 49 Questa legge divenne la Costituzione definitiva della Germania. Carl Schmitt giustificò questa legge della nuova Germania che faceva cadere la separazione tra potere legislativo e potere esecutivo, e dava priorità assolute alle direttive politiche del governo. 50 I ‘partiti weimariani’ tentarono di difendere la propria legalità all’interno del nuovo regime nazionalsocialista, ma nel corso di pochi mesi essi furono disciolti; il ‘partito socialdemocratico tedesco’ fu soppresso con l’accusa di tradimento contro il governo legittimo della Germania. 51 Enzo Collotti ritiene che il processo di liquidazione del sistema pluripartitico si concluse con la legge del 14 luglio 1933, che vietava la formazione di nuovi partiti e affermava esplicitamente: <>. 48 Cfr. S. Mastellone, op.cit., p. 358 49 Op.cit., p. 359 50 V. C. Schmitt, Principi politici del nazionalsocialismo, Firenze,1933 51 Cfr. S. Mastellone, op.cit., p. 359

Anteprima della Tesi di Blu Abraxas Marziale

Anteprima della tesi: Il concetto di parlamentarismo nella teoria dello Stato kelseniana: la difesa della democrazia negli scritti politici 1920-1933, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Blu Abraxas Marziale Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5930 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.