L'evoluzione del debito pubblico italiano dalla fine della prima guerra mondiale al consolidamento del 1926 ed i suoi effetti macroeconomici e redistributivi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 delle entrate statali nel primo dopoguerra, mentre il capitolo terzo sarà dedicato alla descrizione delle dinamiche quantitative e redistributive messe in atto dal processo di indebitamento dell’operatore pubblico dalla fine della guerra alla vigilia del consolidamento del Debito Fluttuante del novembre del 1926. Dopo aver succintamente descritto, nel capitolo quarto, le vicende relative al Debito Estero, nel capitolo quinto sarà avanzata un’ipotesi sulla diffusione del Debito Pubblico all’interno del Paese con particolare riguardo ai debiti irredimibili e a quelli a breve termine, che sarà utilizzata nel capitolo sesto al fine di individuare, tra i soggetti socioeconomici dell’Italia del tempo, i vincitori ed i vinti (nel breve e nel lungo periodo) dei provvedimenti monetari e finanziari varati dal regime fascista allo scopo di stabilizzare (rivalutandola notevolmente) la lira.

Anteprima della Tesi di Pier Paolo Nannoni

Anteprima della tesi: L'evoluzione del debito pubblico italiano dalla fine della prima guerra mondiale al consolidamento del 1926 ed i suoi effetti macroeconomici e redistributivi, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze economiche e bancarie di Siena

Autore: Pier Paolo Nannoni Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12131 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.