Corpo organico e corpo inorganico nel cinema di David Cronenberg

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Corpo-cosa : il corpo in un suo strato, modalità reificante ed oggettivante, corpo spazializzato. Corpo come totalità olistica e virtuale, aperta al mondo: corpo vissuto e vivente, corpo proprio, CsO. Corpo oggetto di manipolazione e strumentalizzazione e soggetto mutante. Virus, elemento differenziale o sfuggente. Equivalente generale e dualismo disgiuntivo. La ‘cosa che sente’ e il sex- appeal dell’inorganico. ‘Sguardo clinico’, distacco critico e distillazione lenta (o ‘politica del meno’) Il corpo-cosa è una modalità del corpo o, come direbbe Deleuze 1 , il corpo in un suo strato , che non dovrebbe in alcun modo rappresentarne la totalità (reductio ad unum), ma che può estendersi ‘come un tessuto canceroso’. Si tratta in questo caso della modalità reificante ed oggettivante che fa del corpo-cosa un corpo spazializzato, ma non nel senso del corpo senza organi che è-nello-spazio, che si modifica e muta nell’interazione spaziale, quanto piuttosto di un corpo divenuto interamente spazio, partes extra partes, res extensa. Il corpo-cosa rappresenta il pericolo che sempre incombe sul corpo ‘carniere di segni’ 2 , attraversato dai discorsi che lo definiscono universalizzando ed assolutizzando il proprio modello come oggettivo; è un corpo su cui operano e agiscono i poteri che lo funzionalizzano ai propri fini, è un organismo 1 “Si prenda l’organismo come strato: c’è, è vero, un CsO che si oppone all’organizzazione degli organi che si chiama organismo, ma c’è anche un CsO dell’organismo che appartiene a quello strato. Tessuto canceroso: a ogni istante, a ogni secondo, una cellula diviene cancerosa, folle, prolifera e perde la sua figura, si impadronisce di tutto…” (G.Deleuze e F.Guattari, Come farsi un corpo senza organi?, Roma, Castelvecchi, 1996, pp.25-26 ) 2 “Il corpo è un carniere di segni, il segno è un corpo disincarnato” ( J.Baudrillard, Lo scambio simbolico e la morte, Milano, Feltrinelli, 1979, p.155 ) Corpo-cosa e ‘la cosa che sente’

Anteprima della Tesi di Daniele Guastella

Anteprima della tesi: Corpo organico e corpo inorganico nel cinema di David Cronenberg, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Daniele Guastella Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7392 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.