I porti commerciali della Comunidad Valenciana tra concorrenza e specializzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 – facendo riferimento in particolare all’evoluzione dei tre principali scali commerciali della Comunidad Valenciana, ossia Valencia, Castellòn de la Plana ed Alicante – questo studio vuole ripercorrere, nel Capitolo III, quelle che sono state le varie tappe storiche che hanno segnato il processo di costruzione del Grao di Valencia, un “porto difficile” come fu, a ragione, più volte definito. Le difficoltà nascevano da diversi ostacoli di natura fisica che si presentarono puntualmente, nel corso dei secoli, a chiunque avesse voluto tentare di mettere in pratica uno dei tanti progetti che a volte venivano semplicemente osservati, altre volte completamente ignorati da quelle che dovevano essere le autorità predisposte al loro finanziamento ed alla loro esecuzione. Queste enormi difficoltà di tipo fisico erano legate alla natura rettilinea, bassa e sabbiosa della costa che non presentava alcuna insenatura naturale (tranne che nel Cabo de Cullera, località a circa 30 km a sud di Valencia). Inoltre, altri notevoli problemi erano creati dai fondali marini del golfo di Valencia, composti da sabbia e fango, e poco profondi per garantire un adeguato pescaggio. La mancanza di qualsiasi tipo di protezione naturale lungo questa costa lasciava il pieno dominio ai venti, alle correnti ed alle maree, con tutti i loro effetti negativi sulla sicurezza della navigazione. Perdippiù, la vicinanza della foce del fiume Turia

Anteprima della Tesi di Salvatore Brunetto

Anteprima della tesi: I porti commerciali della Comunidad Valenciana tra concorrenza e specializzazione, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Salvatore Brunetto Contatta »

Composta da 273 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2030 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.