''Queer as a Clockwork Orange'': la narrativa distopica di Anthony Burgess

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Se, dunque, per tutti gli anni Cinquanta vi è un forte sentimento antiamericano e ostile alla massificazione culturale imposta dai media, in linea con la tradizione antiindustriale inglese e col mito della Rural England, negli anni Sessanta, gli anni della liberalizzazione dei costumi, la situazione si rovescia e “la Englishness viene rappresentata attraverso i simboli esibiti di questa ritrovata libertà , sulla scia di un’adesione più convinta al modello di vita statunitense” 13 . Burgess in questi anni viaggia di frequente negli Stati Uniti tenendo spesso lezioni e si accorge con orrore della visione completamente utilitaristica che gli studenti avevano della letteratura e della concezione unicamente politica dell’arte in genere, dove la dimensione estetica di un’opera veniva considerata quantomeno irrilevante, addirittura reazionaria se fine a se stessa, (non a caso sono gli anni della pop-art e dei Beatles). Agli occhi di un intellettuale europeo appariva con clamorosa chiarezza come gli americani si stessero distaccando dalla loro stessa tradizione. In una lettera a G. Aggeler del 1972 Burgess ebbe modo di scrivere a proposito degli studenti statunitensi: They’re good and sincere, aspirant and very different from their parents. They do question everything. But it worries me that they lack basic equipment. They haven’t read very widely. […] A man like Benjamin Franklin, a great American, may become an unintelligible figure to modern Americans. This is very frightening. 14 Burgess insomma, risulta sempre e comunque in controtendenza rispetto alle dominanti culturali del suo Paese; certo il suo carattere polemico, la sua provocatorietà e animosità irlandese, lo costringono a viaggiare costantemente sull’orlo della contraddizione. Ammette il primato dell’Inghilterra nella letteratura, derivante secondo lui, sulle basi dell’assunto che i romanzi riguardano innanzitutto l’uomo, dal suo 13 A. Marzola, op. cit., p. 204. 14 G. Aggeler, op. cit., 1979, pp. 26-27.

Anteprima della Tesi di Davide Boscacci

Anteprima della tesi: ''Queer as a Clockwork Orange'': la narrativa distopica di Anthony Burgess, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Davide Boscacci Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5348 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.