L'art. 270bis nella più recente giurisprudenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 CAPITOLO I PREMESSE DI ORDINE SOCIO-CULTURALE 1.1 Profili storico-sociali. Nonostante l’emergenza derivante dal terrorismo possa ormai considerarsi cessata, altrettanto non si può dire per quel che concerne i problemi direttamente collegabili al “decennio dei terrorismi” 1 : infatti, si denota con una certa chiarezza che ancora, nonostante tutte le ricerche fatte sull’argomento, non sono chiari quelli che potrebbero essere stati gli elementi scatenanti del fenomeno. Le fonti che abbiamo a disposizione, dal canto loro, ci aiutano relativamente: molto spesso ci troviamo di fronte a materiale frammentario, ad interpretazioni, per così dire, “ ideologiche”, che fondano l’esistenza del terrorismo in base a teorie riguardanti la politica o il “sistema”. D’altra parte, queste notizie, seppur disorganiche, ci permettono di individuare alcuni punti saldi, dai quali si può far partire la nostra trattazione. Si ritiene opportuno iniziare il lavoro dando una definizione del fenomeno: alla domanda “che cos’è il terrorismo” rispondiamo che il terrorismo non è altro che il frutto di una lotta tra due tipi di società: da una parte abbiamo la società globale, dall’altra abbiamo un “microcosmo” di individui che, per mezzo di azioni spietate, perseguono il loro ideale di società migliore 2 . All’interno di questo 1 G. Pasquino, La prova delle armi, Bologna 1984, 9. 2 H.H.A. Cooper, La politica del terrore, Giustizia e cost., Roma 1978, 35-38, 35.

Anteprima della Tesi di Maria Ranieri Migale

Anteprima della tesi: L'art. 270bis nella più recente giurisprudenza, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Ranieri Migale Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3070 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.