Skip to content

La disciplina comunitaria dell'intermediazione finanziaria

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento (20) . I rapporti tra BCE e BCN si possono sintetizzare mutuando la formula contenuta nell’ultimo periodo dell’art. 12.1 dello Statuto: “per quanto possibile ed opportuno… la BCE si avvale delle Banche centrali nazionali per eseguire operazioni che rientrano nei compiti del SEBC”. Al fine di perseguire gli obiettivi del SEBC la BCE e le banche centrali nazionali possono: i)aprire conti intestati ad enti creditizi, organismi pubblici e altri operatori del mercato e accettare come garanzia attività; ii)operare sui mercati finanziari comprando e vendendo a titolo definitivo, ovvero con operazioni di pronti contro termine, prestando o ricevendo in prestito crediti o strumenti negoziabili, in valute sia comunitarie che di altri paesi, nonché metalli preziosi; iii) effettuare operazioni di credito con istituti creditizi ed altri operatori di mercato, erogando i prestiti sulla base di adeguate garanzie. La BCE e le banche centrali nazionali possono inoltre operare come agenti finanziari per una serie di enti pubblici, elencati nell’art. 21 dello Statuto, a cominciare da istituzioni ed organi della Comunità; nella disposizione viene richiamato l’art. 104 (ora art. 101) del Trattato che vieta “la concessione di scoperti di conto o qualsiasi altra forma di facilitazione creditizia” a favore di detti enti, così come “l’acquisto diretto presso di essi di titoli di debito”. Infine, dagli artt. 23 e 24 è previsto lo svolgimento di altre attività di carattere operativo. Le disposizioni sin qui sintetizzate sono contenute nei primi cinque capi dello Statuto. Nei successivi tre capi sono affrontate tematiche concernenti in gran parte aspetti vari dell’operatività del Sistema; la rilevanza di tali temi si coglie in qualche modo già soffermandosi sulla rubrica di ciascuna partizione (21) In proposito ci si limita a menzionare l’art.34, che delinea i confini della potestà regolamentare e sanzionatoria della BCE – quest’ultimo argomento verrà ripreso in seguito - ed il successivo art. 35, dalla significativa rubrica “controllo giudiziario e materie connesse”. Presentano qualche affinità con i regolamenti gli “indirizzi” (22) . (20) Per quanto riguarda le riserve valutarie (e le operazioni in valuta estera) l’Eurosistema le detiene soprattutto in vista di possibili interventi sul mercato dei cambi. In relazione a ciò le riserve valutarie della BCE devono essere investite secondo i criteri fondamentali della sicurezza, della liquidità e tendendo a massimizzarne il valore. La gestione avviene attualmente in modo decentrato ed è svolta dalle BCN per conto della BCE, conformemente alle istruzioni impartite da quest’ultima. Sebbene le BCN gestiscano le proprie riserve valutarie in maniera autonoma, le operazioni sul mercato dei cambi superiori ad un certo limite sono subordinate all’autorizzazione della BCE, al fine di garantirne la coerenza con la politica monetaria unica. (21) Capo VI: Disposizioni finanziarie del SEBC; Capo VII: Disposizioni generali; Capo VIII: Modificazioni dello Statuto e disposizioni complementari; Capo IX: Disposizioni transitorie e disposizioni varie per il SEBC. (22) Nel “considerando” n.8 dell’ “indirizzo” citato (in GUCE n. L 140, del 24/5/2001) si legge: “in conformità con gli articoli 12.1 e 14.3 dello Statuto gli indirizzi della BCE costituiscono parte integrante del diritto comunitario”. Gli indirizzi hanno carattere vincolante e prevalgono sulla normativa nazionale, esistente o successiva.
Anteprima della tesi: La disciplina comunitaria dell'intermediazione finanziaria, Pagina 8

Preview dalla tesi:

La disciplina comunitaria dell'intermediazione finanziaria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Cristina Ferrero
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Bianca Maria Farina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi