Skip to content

Radio Radicale e RadioRadicale.it: due strategie comunicative convergenti

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Significativo come la rete televisiva che, a detta di tutti, meglio ha informato su Genova, è stata una piccola emittente locale che organizzò una radiocronaca degli avvenimenti, con immagini sfuocate, tagliate, incomplete, sostanzialmente subordinate al racconto telefonico degli inviati. Inviati che risultarono più giornalisti radiofonici liberi nel loro muoversi col proprio cellulare che non giornalisti televisivi impacciati, con i propri fili, le inquadrature non pertinenti, un malcelato imbarazzo per la sostanziale estraneità dall’azione e dalla notizia 15 . Ma al di là delle situazioni di emergenza, la radio riesce a marcarsi per una propria vocazione alla notizia soprattutto in tempo di “pace”. Sia la radio di programmi che la radio di flusso danno, nei propri palinsesti o nei propri clock, ampio spazio alla informazione. Analizzando più nello specifico la realtà italiana, Radio Rai si caratterizza per la presenza importante dell’informazione nella propria programmazione: in particolar modo Radio1 si distingue per la missione più e meno dichiarata di trasformarsi in “un rullo ‘all news’ [o in una radio con] un palinsesto a prevalente vocazione informativa” 16 . Nell’organizzazione moderna del flusso radiofonico, anche nelle radio dove l’oralità di tipo sonoro ha la meglio sul parlato, molto spesso il breve notiziario rappresenta l’inizio della programmazione, il clock, sul quale è modulato il flusso intero 17 . Anche le radio private progressivamente introducono appuntamenti a vocazione di servizio quali brevi aggiornamenti sul traffico, sullo sport, sul meteo, sulle quotazioni di borsa 18 . 1.3 Quando, come, chi. 19 Il successo della radio è da far risalire alla capacità di essersi affermata nei momenti e nei luoghi non presidiati dalla Tv, riuscendo a superare il complesso di inferiorità nei confronti della propria sorella minore. Ecco che le ore del mattino sono quelle nelle quali la radio è il media preferito per informarsi: dalle 7 alle 9 quasi dodici milioni di italiani accendono il loro ricevitore. La radio è dunque nella giornata il primo mezzo di informazione che raggiunge gli ascoltatori. E non a caso è questa la fascia della giornata nella quale le emittenti Rai sono più forti, dove la presenza di notiziari, rubriche di informazione, letture di quotidiani, monopolizzano la programmazione e in cui anche le emittenti private cercano di offrire maggiore spazio all’informazione 20 . 15 Da ricordare la povera giornalista di RaiTre che mentre infuriava la battaglia, dalle retrovie cercava di compensare la completa insufficienza di patos delle immagini della telecamera indossando e osteggiando al collo una improbabile maschera antigas, con alle spalle le Forze dell’Ordine che passeggiavano tranquillamente senza precauzioni. 16 Menduni, op.cit., pag 204 17 La legge Mammì (L.223/90) obbligò i concessionari nazionali a trasmettere quotidianamente giornali radio o telegiornali. Significamene Menduni parla di “obbligo che diventa un’opportunità” 18 L’attenzione verso l’informazione portò inoltre alla “creazione di rubriche [..] affidate a grandi firme (come Maurizio Costanzo) e un forte investimento in figure di direttori [..] riconosciuti e autorevoli” Menduni, op.cit, pag. 211 19 I dati di ascolto di questo capitolo sono presi da: Audiradio, 1997, 1999, 2001, 20 Significativo il formato della trasmissione televisiva che apre la programmazione mattutina di Canale5 (Prima Pagina): la trasmissione è organizzata come un clock di mezz’ora con la ripetizione dello stesso notiziario per 4 volte,
Anteprima della tesi: Radio Radicale e RadioRadicale.it: due strategie comunicative convergenti, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Radio Radicale e RadioRadicale.it: due strategie comunicative convergenti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Carlo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2001-02
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Enrico Menduni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

emma bonino
informazione radiofonica
marco pannella
massimo bordin
partiti politici
partito radicale
radicali italiani
radio
internet
emittenti radiofoniche
radio radicale
radioradicale.it

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi