Il problema dei rapporti tra i testi di Qumran e il Vangelo di Giovanni: un bilancio alla luce degli studi più recenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

II- Rotoli del Mar Morto e Nuovo Testamento Da quando i Rotoli del Mar Morto sono stati oggetto di traduzioni e di studi critici in varie lingue, l’interesse attorno alle testimonianze dirette della comunità di Qumrân non è mai scemato. Anzi, a periodi alterni, si è sempre rimessa in discussione la connessione più o meno stretta fra il Cristianesimo primitivo e la comunità qumrânita. Alcuni studiosi sono giunti alla conclusione che Cristo e i suoi discepoli vissero in un ambiente in cui pullulavano diversi pensieri e che certamente Qumrân non fu da meno nel contribuire alla formazione di Cristo prima della predicazione. E’ anche vero che la scienza storica moderna tende a superare certe interpretazioni azzardate sulla totale identificazione della setta degli Esseni con la prima comunità cristiana e della figura del maestro di giustizia quale precursore di Gesù. (1) Troppo spesso, in verità, si è dimenticato che Cristo rivoluzionò l’Antico Testamento e fu responsabile, attraverso la buona novella, del suo superamento in termini non solo religiosi, ma sociali, giuridici e politici, mentre la comunità qumrânita si distacca dall’ufficialità del Tempio ma non dalle scritture. Qumrân condanna i sacerdoti empi così come Cristo li caccia dal tempio e confuta le argomentazioni degli anziani. Ma mai Qumrân si allontana dalle sacre scritture che continua a seguire alla lettera e a interpretare. Basti pensare, quale esempio, alla considerazione del sabato sacro al signore in CD 11,16 e ss: “Se (di sabato) una qualsiasi persona cade in una cisterna o in un altro luogo, nessuno la faccia salire con una scala o un qualsiasi altro oggetto”. Mentre in Mt 12,11 e ss, Cristo dice: “Chi tra voi avendo una pecora, se questa gli cade di sabato in una fossa non l’afferra e la tira fuori? Ora, quanto è più prezioso un uomo di una pecora! Perciò è permesso fare del bene anche di sabato” e in Mc 2,27-28 aggiunge: “Il sabato è stato fatto

Anteprima della Tesi di Maria Arruzza

Anteprima della tesi: Il problema dei rapporti tra i testi di Qumran e il Vangelo di Giovanni: un bilancio alla luce degli studi più recenti, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Arruzza Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1795 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.