Skip to content

Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
13 Questa situazione economica, alla quale si dice che lo stesso direttore con l’aiuto del cardinal Giacomo Lercaro cercava di far fronte, comune, per altro, anche ad altre testate cattoliche, preoccupò i vertici della Chiesa che decisero di nominare un nuovo consiglio di amministrazione presieduto da Giampietro Dore e del quale facevano parte tra gli altri Vittorio Bachelet, Angelo Salizzoni, Vittorino Veronese 26 . Accanto a ciò va fatto registrare, grazie ai lucidi ricordi di Balistrieri, come la gestione La Valle avesse creato degli screzi tra Roma e Bologna: la linea politica adottata, tendenzialmente di sinistra, non piaceva a Paolo VI e al Vaticano 27 ; se si aggiunge la gestione rigida dei rapporti da parte del direttore e alcuni interventi critici nei confronti del Papa si può ben comprendere la tensione che si era venuta a creare. Queste due situazioni preoccuparono seriamente la Chiesa di Roma che subito creò una commissione di tecnici, presieduta da Silvio Golzio, incaricata di studiare un possibile progetto di ristrutturazione dei quotidiani cattolici italiani; particolare attenzione doveva essere prestata, in merito alla loro ampia diffusione, a “L’Avvenire d’Italia” e a “L’Italia” 28 . La Conferenza episcopale italiana, interessata ad una possibile fusione delle due testate, accolse benevolmente le conclusioni della commissione che sancivano l’impossibilità di mantenere in vita due quotidiani oltre alla necessità di un giornale unico per i cattolici italiani; si suggeriva di scegliere come sede del nuovo foglio Milano 29 . Sempre Balistrieri, che era entrato nella redazione de “L’Avvenire d’Italia” nel 1966, sottolinea come Raniero La Valle, quando si ventilava la possibile fusione del quotidiano bolognese con “L’Italia”, non allentò la sua linea e, pur di non scendere a compromessi, il 1 agosto 1967 rassegnò le sue dimissioni 30 . Questo atto non mancò di trascinare con sé perplessità e diede adito a vivaci polemiche all’interno del mondo cattolico. Un esempio può essere l’appassionato articolo apparso su “Il Tetto” nel 1967 a firma di Federico Tortorelli nel quale si riconduce la crisi de “L’Avvenire d’Italia” a quella più generale che in quegli anni investiva la stampa e le istituzioni cattoliche italiane. In alcuni passaggi Tortorelli non si mostra benevolo nei confronti della gerarchia della Chiesa e giunge ad affermare che le dimissioni di La Valle costituiscono un fatto oggettivo doloroso e grave. Tutti i cattolici, anche quelli che non condividono l’impostazione ideologica di La Valle, non possono e non devono desiderare il suo silenzio, altrimenti potrebbe tornare ad accreditarsi l’opinione antica di un cattolicesimo italiano gretto di mente, angusto d’animo, pauroso dell’espressione libera e rigorosa del pensiero 31 . Lo stesso Tortorelli individua le cause della crisi de “L’Avvenire d’Italia”, oltre che in questioni di carattere finanziario e di impostazione, nel rapporto di un quotidiano cattolico con la gerarchia, nei rapporti tra i gruppi dirigenti e la linea del giornale 32 . Le dimissioni di Raniero La Valle suscitarono vivo interesse nella stampa laica preoccupata di dare la propria interpretazione sul fatto. Riportarono anche la notizia testate d’oltralpe come “La Croix”, “Le Monde” e “Tèmoignage Chrètien”. Si insinuava il sospetto che La Valle fosse stato costretto a dimettersi da ambienti conservatori del Vaticano che non gradivano i suoi orientamenti di sinistra e alcune sue interpretazioni dei documenti del Concilio 33 . 26 ANGELO MAJO, La stampa cattolica in Italia, cit. 27 SERGIO BALISTRIERI, Intervista cit. 28 Ibidem. 29 ANGELO MAJO, Storia della stampa cattolica in Italia, cit. p. 208. 30 SERGIO BALISTRIERI, Intervista cit. 31 FEDERICO TORTORELLI, Stampa cattolica […], cit. p.27. 32 Ibidem. 33 ANGELO MAJO, Stampa ed editoria, in AA.VV., Storia di Milano vol. XVIII - Novecento, Milano, Treccani, 1996, p. 696-713.
Anteprima della tesi: Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pierachille Dolfini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Giuseppe Farinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avvenire
avvenire.it
chiesa
conferenza episcopale italiana
dino boffo
giornali vaticano
informazione
notizie giornali
paolo vi
quotidiano avvenire
quotidiano cattolico
stampa cattolica
stampa chiesa
stampa vaticana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi