L'home banking e la presenza delle banche in Internet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2. L’ home banking e la Moneta Elettronica (e-cash) 10 Andare in giro per il Cyberspazio con dei soldi in tasca, di modo che, se si presenta l'occasione ... non vi sono problemi a comperare e non si è costretti a rimandare l'acquisto. La s emplicità Con la pratica si può constatare quanto sia facile sia la fase di rifornimento sia quella consistente nello spendere la moneta elettronica. La riservatezza Il sistema di codifica e quello di criptazione sono studiati proprio per dare l'assoluta certezza che qualunque transazione si vada a compiere è completamente riservata ed anonima, a meno che non si decida, in collaborazione con la banca, di chiedere una conferma che una certa transazione è stata portata a termine. La certezza del costo Sulla base di indicazioni fornite precedentemente si può sapere con assoluta esattezza il costo delle proprie transazioni. 2.2.5 Un esempio di moneta elettronica già operativo: il caso della Mark Twain Bank La MARK TWAIN BANK di ST. Louis nel Missouri ha annunciato la apertu ra dei propri s portelli s u In ternet proponendosi così come banca disponibile a utilizzare moneta elettronica (chiunque uno sia ha la possibilità di aprire un conto corrente alla Mark Twain Bank, senza particolari difficoltà). Questa liberalità non è assolutamente consueta; evidentemente la scelta strategica, fatta dalla banca, di diffondere nel mondo l'utilizzo della M oneta Elettronica E-cash ha comportato la necessità di questa apertura, per quanto la Banca stessa operi in assoluta osservanza delle leggi Federali statunitensi. Dopo aver aperto un conto corrente tradizionale, la banca, su incarico del cliente, trasforma parte del deposito in moneta elettronica codificando ogni cen t; s arà il clien te s tes s o con il s o ftware fo rn ito all'apertu ra del con to , a scaricare la cifra che vuole sul suo hard-disk, come se facesse un prelievo con un Bancomat. A questo punto la banca esce di scena e il cliente è libero di utilizzare il denaro per acquistare i prodotti offerti dai negozi che accettano pagamenti in moneta elettronica. E’ anche possibile scambiarsi moneta elettronica tra acquirenti, come pure riversare somme nel proprio conto corrente. L'anonimato è garantito dal fatto che il software per il prelievo permette di coniare la moneta elettronica e avvisare la banca di tale desiderio del cliente. Una volta ottenuta l' approvazione dalla banca (che verifica la disponibilità e aggiorna il conto corrente), la moneta può liberamente circolare. Se tornerà alla banca non sarà riconducibile a nessun conto specifico. La sicurezza, che è fondamentale per l’ utilizzo della moneta elettronica, è ottenuta permettendo al cliente di scegliere fin dall'inizio dell'operazione dei numeri di serie unici, per quanto casuali, atti a qualificare la propria moneta elettronica .

Anteprima della Tesi di Andrea Cipriani

Anteprima della tesi: L'home banking e la presenza delle banche in Internet, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Cipriani Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8202 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.