Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politica e militanza: le riviste cinematografiche negli anni Settanta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 registi che compiono gli esperimenti più avanzati, non interessa soltanto fornire una fenomenologia della crisi dell’individualismo, nel venir meno dei valori della coscienza morale collettiva; attraverso l’indagine introspettiva, essi intendono raggiungere una verità sociale, su cui portare fermo giudizio. Naturalmente bisogna tenere conto che esisteva una situazione politica, sociale ed economica nell’Italia che si avviava all’esperienza dei governi del centro-sinistra; situazione che favorì l’affermazione di una nuova schiera di nuovi autori pronti a ristabilire un rapporto arduo, critico, provocante, tra i film e il pubblico. Gli esordienti, come suaccennato, non dichiarano guerra al cinema dei padri: le forme, le macro e microstrutture del racconto mutano senza una logica antagonistica rispetto al neorealismo. La modificazione del campo oscilla, con un andamento pendolare, tra il significante e il significato, favorendo ora l’uno ora l’altro, nel senso di ricorrere a temi noti dando loro una nuova veste significante, o viceversa. Abbiamo quindi un gruppo di nuovi autori che adottano la koinè neorealista, ne capovolgono la nozione di punto di vista e non rivelano alcun legame operativo al proprio interno. Gli esordi di Pasolini, Ferreri, Petri, Olmi, De Seta, Damiani, De Bosio, Wertmüller, Taviani, ma anche registi al secondo o terzo film come Rosi, Loy, Pontecorvo, non escludono, nella spinta verso il nuovo, la perdita di contatto con lo sfondo conosciuto. Rispetto a questi registi, le mosse di Antonioni, di Fellini, e, dopo qualche tempo, anche di Rossellini appaiono ancora più irregolari: in questi tre autori, gli elementi innovativi prevalgono su quelli conservativi, senza peraltro che la nozione di narratività sia messa in discussione. Vi è da precisare che questa “nuova ondata” italiana, negli iniziali anni Sessanta, non è il punto d’approdo di un autentico dibattito culturale, piuttosto un’iniziativa precipuamente produttiva. Manca una vera e propria dinamica

Anteprima della Tesi di Mario Brucker

Anteprima della tesi: Politica e militanza: le riviste cinematografiche negli anni Settanta, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mario Brucker Contatta »

Composta da 423 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2943 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.