Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rivolta della coscienza e il tentativo di soluzione del nichilismo nel pensiero di Albert Camus

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

to adeguato alla sua essenza, oppure se umiliare la ragione; sia invocando un senso al di là dell’essere sia arrendendosi al non senso. La rivolta si converte ora in atteggiamento pratico; l’uomo esistente decide di essere un fine in sé e di rifiutare l’annichilimen- to teoretico e pratico imposto agli altri enti. A questo punto l’essere umano si libera da ogni forma di trascendenza e diviene il solo responsabile del proprio agire; tuttavia se egli pensa di poter rifon- dare il proprio essere sul nulla, stabilendo arbitrariamente ciò che egli deve divenire, crea nuove forme di trascendenza e contraddice l’essenza umana, emersa con la rivolta, asservendosi ancora una volta ad un fine estrinseco; sia esso trascendente o immanente. La rivolta teoretico-pratica si dimostra pertanto il principio etico- metafisico fondamentale che assicura agli uomini la dignità di esi- stere come autonoma capacità di comprendere e di agire (cfr. L’uomo in rivolta, nel III e IV capitolo). La proposta camusiana per un superamento del nichilismo euro- peo si differenzia tanto da quella di chi propone, come terapia, un ritorno all’interiorità inviolabile dell’individuo di fronte allo strapo- tere degli istituti tecnici e politici della contemporaneità (come fa Junger), quanto dalla proposta di chi prende a pretesto il limite ontologico umano per prescrivere forme di abbandono al divino o alla temporalità (come suggerisce Heidegger). Camus ci ricorda, invece, che se è vero che l’uomo non è responsabile dei limiti impo- sti al suo esistere, è altrettanto vero che egli lo è per le conseguenze pratiche che trae dalla constatazione della propria finitudine (cfr. capitolo II e conclusione). Ciò che emerge da una considerazione unitaria del pensiero

Anteprima della Tesi di Giorgio Lonardi

Anteprima della tesi: La rivolta della coscienza e il tentativo di soluzione del nichilismo nel pensiero di Albert Camus, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giorgio Lonardi Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2716 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.