Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La filosofia della scienza di Hilary Putnam

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione La figura di Hilary Putnam costituisce oggi un punto di passaggio obbligato per chi voglia affrontare i numerosi dibattiti che animano la scena filosofica analitica, e non solo quella. Formatosi negli anni '50 in un ambiente filosofico dove protagonisti indiscussi erano H. Reichenbach e R. Carnap, ovvero i maggiori esponenti del Circolo di Vienna emigrati in America, la sua attenzione si volse fin da subito ai problemi epistemologici e metodologici dell'indagine scientifica. Ben presto, però, proprio le tesi del neoempirismo logico diventeranno il bersaglio polemico preferito da Putnam, il quale dedica ancora oggi gran parte delle sue energie filosofiche allo scopo di mostrare l'insostenibilità di quelle tesi, e di proporre contemporaneamente una visione della razionalità radicalmente alternativa al logicismo, al verificazionismo e al riduzionismo neopositivisti. Determinante nel muovere Putnam in questa direzione è stato l'influsso di W.V. Quine, che da allora costituisce, anche in chiave esplicitamente polemica, un punto di riferimento costante per gli interessi filosofici di Putnam. Questi non ha poi atteso molto nell'affrontare quasi tutti i settori della riflessione filosofica: per citare i suoi primi contributi di rilievo, giunti a maturazione negli anni '70, bisogna ricordare la teoria causale del significato 1 e, nell'ambito della filosofia della mente, il funzionalismo 2 . Forse anche a causa di una certa asistematicità che caratterizza la filosofia analitica, ma soprattutto per un suo naturale atteggiamento filosofico, Putnam è stato spesso protagonista di repentini mutamenti di 1 Il saggio che offre il resoconto più completo al riguardo è "Il significato di ‘significato’", in Putnam (1975b), pp.239-297. Teorie del significato e del riferimento simili a quella di Putnam sono state fornite, più o meno negli stessi anni e in maniera indipendente, anche da S. Kripke e K. Donnellan [cfr. Kripke (1972) e (1980), e Donnellan (1972)]. 2 I saggi di filosofia della mente di Putnam scritti tra gli anni '60 e '70 sono raccolti nel secondo volume dei Philosophical Papers, dal titolo Mind, Language and Reality [Putnam (1975b)].

Anteprima della Tesi di Francesco Zago

Anteprima della tesi: La filosofia della scienza di Hilary Putnam, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Zago Contatta »

Composta da 378 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4300 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.