Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Applicazione di tecniche di geodesia spaziale e di geodimetria classica ed automatica allo studio delle deformazioni del suolo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5. CAMPAGNE GEODETICHE Al fine di avere una valutazione quantitativo-qualitativa del cinematismo deformativo del sito di Lago, si sono applicate nel corso di questo lavoro misure con tecniche di geodesia spaziale (GPS) e misure con tecniche di geodimetria classica (EDM) e automatica (AEDM). Per conoscere il campo di deformazione si è proceduto alla ripetizione nel tempo delle misure, programmate con frequenza annuale. Uno dei problemi irrisolti era comprendere se, e come, le differenti unità strutturali costituenti il versante, possano influenzare il cinematismo deformativo. 5.1 Risultati ottenuti prima del 1997 Il background geodetico del sito di misura è costituito da due campagne GPS eseguite nel corso del 1996. Nella prima Campagna, effettuata in Febbraio (Conforti, 1996), è stata realizzata: - una rete esterna “di riferimento” appoggiata a 5 vertici indicati con R1, R2, R3, R4, R5; - una rete interna, “di controllo”, sul versante in sackung, appoggiata a 13 vertici indicati con la lettera L seguita da un numero progressivo. Nel corso delle misure sono stati documentati problemi di ricezione del segnale sulla stazione R1 e fenomeni di multipath su R2. I risultati hanno indicato la possibilità di raggiungere precisioni centimetriche nelle misure. Nella seconda campagna GPS, eseguita 8 mesi dopo (Bonci, com. pers.), sono stati rimisurate le reti, ricalibrando quella esterna con l’istituzione di un nuovo vertice denominato A, riposizionando R2, ed escludendo R1 in quanto non permetteva l’acquisizione del segnale. Durante la stessa Campagna si sono misurate in via del tutto sperimentale, con tecniche geodimetriche classiche, alcune baselines, adoperando i caposaldi utilizzati nelle misure GPS.

Anteprima della Tesi di Fabio Covello

Anteprima della tesi: Applicazione di tecniche di geodesia spaziale e di geodimetria classica ed automatica allo studio delle deformazioni del suolo, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Fabio Covello Contatta »

Composta da 278 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1647 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.