Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche di portafoglio prodotti dell'industria di marca. Il caso Buitoni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 La crescente attenzione nei confronti della marca è inoltre testimoniata dalle cifre che dalla metà degli anni Ottanta caratterizzano le acquisizioni di marchi nei mercati internazionali 1 . Recenti studi in ambito strategico (Prahalad, Hamel, 1990; Grant, 1995) hanno individuato nelle risorse e nelle competenze possedute dall'impresa la base per la generazione di performance. In particolare, risultano essere fondamentali le capacità "distintive", ovvero le risorse possedute in modo differenziale rispetto alla concorrenza ("core competence"). La marca rappresenta una delle risorse di base su cui l'impresa può fondare un vantaggio competitivo, rafforzarlo e mantenerlo nel tempo. Essa infatti è lo strumento attraverso cui l'impresa rende concrete le proprie relazioni con il contesto esterno, ed in particolare con i propri clienti. La natura di risorsa strategica della marca richiede una gestione di impresa finalizzata all'accrescimento ed alla alimentazione del suo valore nel lungo termine. Essa deve riferirsi a tre fondamentali ambiti : ™ l'identificazione degli elementi componenti la brand equity, ovvero il valore differenziale che il marchio garantisce al consumatore ed alla impresa; ™ la attivazione dei principali processi di alimentazione e di consolidamento della brand equity: in particolare, lo sviluppo strategico delle associazioni inerenti al marchio (brand identity) attraverso la diversificazione della marca in nuovi contesti competitivi (brand extension); ™ la costruzione di strumenti adeguati di misurazione della brand equity, per valutare gli effetti sul valore della marca provocati dall'attuazione di specifiche strategie (per esempio, di estensione di marca). 1 Un esempio a tale proposito è rappresentato dalla acquisizione di Buitoni da parte di Nestlè , avvenuta nel 1988 per un valore 35 volte superiore ai profitti correnti (Kapferer 1997).

Anteprima della Tesi di Adalberto Ferrari

Anteprima della tesi: Le politiche di portafoglio prodotti dell'industria di marca. Il caso Buitoni, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Adalberto Ferrari Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6278 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 39 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.