Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La contrattazione collettiva europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Come avremo modo di esaminare successivamente 20 , è in questo periodo che finalmente i temi di politica sociale assumono una loro forza formale sulla ribalta europea. Il Protocollo di Maa- stricht è infatti «il primo documento comunitario pienamente consapevole della necessità di privilegiare il terreno dei rapporti collettivi» 21 . Salta subito all’occhio che l’obiettivo della «coesio- ne economica e sociale», rinvenibile già nell’art. 130A dell’Atto Unico, assume qui la dignità di obiettivo primario, con lo scopo specifico di ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni 22 . 20 In questa sezione della ricerca, di taglio storico-introduttivo, non verrà infatti approfondi- to il presente argomento, che sarà invece analizzato con dovizia successivamente (infra, capitolo III), insieme alle variazioni subite dallo stesso APS con l’incorporazione nel Trat- tato di Amsterdam. A questo punto, sono necessarie alcune precisazioni: come facilmente intuibile, il materiale a disposizione sull’argomento è vastissimo, fatto che giustamente rispecchia l’importanza delle innovazioni introdotte a Maastricht in questo ed altri campi. Nella nostra ricerca si è scelto di privilegiare una lettura esclusivamente indirizzata all’analisi delle novità nel cam- po della contrattazione collettiva e non già della politica sociale nelle sue accezioni più am- pie. Sono peraltro disponibili autorevoli commenti che analizzano approfonditamente entrambi i fenomeni. Fra gli altri, l’ottima raccolta di LETTIERI – ROMAGNOLI (a cura di), La con- trattazione collettiva europea, Ediesse, Roma, 1998; inoltre, ROCCELLA – TREU, Diritto del lavoro della Comunità Europea, CEDAM, Padova, 1995; SIMITIS, Europeizzazione o rinazionalizzazione del diritto del lavoro?, Dir. Lav. Rel. Ind., 1994, 639; GUARRIELLO, Ordinamento comunitario e autonomia collettiva. Il dialogo sociale, Angeli, Milano, 1992; SCHNORR, I contratti collettivi in un’Europa integrata, Riv. It. Dir. Lav., 1993, I, 319; A.I.D.LA.S.S, Il dialogo fra ordinamento comunitario e ordinamento nazionale del lavoro, Giuffrè, Milano, 1994; AA. VV., Protocollo sociale di Maastricht: realtà e prospettive, Not. Giur. Lav., 1995, supplemento n. 12. 21 ZILIO GRANDI, Parti sociali e contratto collettivo nell’Unione Europea, Giappichelli, Torino, 1998, 15. 22 Da sottolineare come ora le possibilità di intervento nella rinnovata configurazione delle competenze comunitarie spaziano dalla politica sociale vera e propria all’istruzione e for- mazione professionale, dalla gestione del Fondo Sociale Europeo (FSE) alla cultura, dalla protezione sociale ed ambientale alla promozione della ricerca, della cooperazione e della diffusione delle informazioni.

Anteprima della Tesi di Fabio Burchi

Anteprima della tesi: La contrattazione collettiva europea, Pagina 10

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Fabio Burchi Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2983 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.