Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Provvedimento cautelare e decisione nel merito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 più nel provvedimento 17 cautelare ma nella sentenza a cognizione piena che ad esso si è sostituita. Accanto alla provvisorietà la dottrina suole indicare come ulteriore e complementare caratteristica strutturale dei provvedimenti cautelari la strumentalità: con questa espressione si vuole indicare che le misure cautelari “non sono mai fine a se stesse, ma sono immancabilmente preordinate alla emanazione di un ulteriore provvedimento definitivo,di cui esse provvisoriamente assicurano la fruttuosità pratica”. 18 Ma se questo e solo questo fosse il significato della “strumentalità”,allora questa caratteristica avrebbe solo il valore di evocare con unica espressione sia la struttura che la funzione dei provvedimenti cautelari e non aggiungerebbe nulla di più alla provvisorietà intesa come inidoneità a dettare una disciplina definitiva del rapporto controverso.Tuttavia alla stregua del nostro diritto positivo, i provvedimenti cautelari nascono come istituzionalmente serventi- strumentali per l’appunto- rispetto al processo a cognizione piena; e questa connotazione – ulteriore rispetto alla mera provvisorietà del provvedimento e/o degli effetti- si coglie: 16 Montesano,op.cit., p. 293 ss. 17 Proto Pisani,op.cit.,p.4 18 Calamandrei,op.cit.,p.20.Lo stesso autore muove dalla caratteristica della strumentalità per descrivere la differenza tra provvedimenti sommari cautelari e provvedimenti sommari non cautelari: i primi nascono “in previsione, ed anzi in attesa, di un successivo provvedimento definitivo, in difetto del quale non solo non aspirano a trasformarsi in definitivi,ma sono addirittura destinati a venire meno per mancanza di scopo”;i secondi “nascono nella speranza che un successivo provvedimento (a cognizione piena) non sopraggiunga ad impedire loro di diventare definitivi”:

Anteprima della Tesi di Antonio Picardi

Anteprima della tesi: Provvedimento cautelare e decisione nel merito, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonio Picardi Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5567 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.