Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il G8 a Genova nel confronto tra giornalismo tradizionale e informazione on-line

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 c’era sempre un titolo a sette o otto colonne e il lungo articolo di fondo era sostituito da un breve resoconto della situazione giornaliera. Il modello era quello della stampa anglosassone, con il tentativo di riassumere in modo conciso i fatti, separando la notizia dal commento. Il Giorno eliminò anche una peculiarità del giornalismo italiano, la terza pagina, aggiunse un supplemento a rotocalco di otto pagine, con servizi fotografici e articoli di varietà e dedicò un’intera pagina ai giochi e ai fumetti. Questo giornale ha avuto il merito di riempire molti spazi lasciati vuoti dagli altri quotidiani: pagine per notizie economiche, gli spettacoli, la moda, la scienza, la tecnica e rubriche personali. Il Giorno si differenziava anche nei contenuti: traspariva il sostegno verso la distensione internazionale, l’organizzazione di una campagna a favore dei paesi del Terzo Mondo, l’appoggio per l’apertura alla sinistra italiana. Gli anni ’60, secondo Murialdi, non furono molto diversi quanto a conformismo e sottomissione delle testate alla politica. Il primo esempio a suffragare questa osservazione fu proprio il comportamento della stampa nel ’60 quando il democristiano Tambroni formò un governo col sostegno del Movimento Sociale, provocando una serie di proteste popolari che costrinsero il neo-Presidente del Consiglio a dimettersi 26 , in quell’occasione i giornali dimostrarono di non riflettere la società civile, ma di ritenere più importante la subordinazione alle logiche del potere. Con la legge del 3 febbraio 1963, venne istituito l’Ordine dei Giornalisti. Veniva stabilito che per svolgere la professione occorreva essere iscritti. Venne sostanzialmente bene accolto, poiché contrastava il lavoro nero 27 . Alla fine degli anni ’60 avvenne un normale ricambio generazionale in tutti i giornali. 26 Ibidem, p. 154. 27 Ibidem, p. 163.

Anteprima della Tesi di Emanuela Mortari

Anteprima della tesi: Il G8 a Genova nel confronto tra giornalismo tradizionale e informazione on-line, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuela Mortari Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2485 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.