Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto tra l'io e gli altri in Heidegger e Sartre

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

di aver coscienza di se stesso come coscienza, come cogito, agli oggetti-in-sé tale autocoscienzialità è preclusa. Una pietra, per esempio, non può aver coscienza di esser pietra. “Ma se l’essere è in sé, vuol dire che non rimanda a sé, come «la» coscienza di sé; questo sé, lo è esso stesso” 21 . Carattere primario dell’essere-in-sé è dunque quello di essere strutturalmente un essere acoscienziale. In secondo luogo, l’essere-in-sé è ciò che è. “…l’essere-in-sé è opaco a se stesso precisamente perché è ricolmo di se stesso. Questo fatto lo esprimeremo dicendo che l’essere [in-sé] è ciò che è” 22 , è pienezza d’essere, coincidenza con se stesso. Proprio in quanto gli enti-in-sé sono acoscienziali, essi sono infatti privi di quella fessura intracoscienziale, di quel nulla d’essere che insinua nel per-sé una dualità (come visto, è in tal senso che il per-sé non ha la pienezza d’essere propria dell’in-sé). E, soprattutto, gli enti-in-sé sono dotati di una natura determinata, fissata una volta per tutte e immodificabile. Essi non possono farsi da sé, ma riposano nella loro essenza senza poter decidere autonomamente del loro essere (come accadeva invece per il per-sé). Una pietra, ad esempio, non può decidere di mutare la propria natura di pietra (anche in tal senso Sartre dice che l’essere-in-sé è ciò che è, essendo dato una volta per tutte, senza alcuna possibilità di essere modificato). Ora, dal confronto tra i caratteri che Sartre attribuisce al per-sé e all’in-sé si può comprendere come il suo discorso intorno a questi due tipi di essere sia sostanzialmente riconducibile a due poli essenziali. In primo luogo il per-sé, diversamente dall’in-sé, ha un essere coscienziale. In secondo luogo, mentre gli enti- in-sé hanno una natura fissata una volta per tutte e non modificabile, gli enti-per-sé, ovverosia gli individui umani, hanno un essere che essi stessi possono determinare attraverso il loro agire. Detto ciò, è opportuno a questo punto fare alcune precisazioni. Innanzi tutto, l’essere- in-sé e l’essere-per-sé sono delle contingenze ingiustificabili. Non si può cioè risalire, tramite il raziocinio, alla causa ultima del loro sorgere, non si può spiegare perché 21 L’essere e il nulla, trad. cit., p.32. 22 Ibidem.

Anteprima della Tesi di Marco Mallica

Anteprima della tesi: Il rapporto tra l'io e gli altri in Heidegger e Sartre, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Mallica Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9455 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.