Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

A scuola da Aspasia: uomini e donne tra retorica e politica nell'Atene del V secolo a.C.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Plutarco ci informa che l 'accusatore di Aspasia fu il poeta comico Ermippo e che all'accusa di empietà si aggiunse quella di gestire un traffico di donne di libera condizione per l'intrattenimento erotico di Pericle. 41 Plutarco prosegue ricordando che un tale Diopite, di professione indovino,sarebbe riuscito a far approvare dall'assemblea un provvedimento che permetteva di poter colpire coloro che non credevano negli dei 42 oppure che insegnavano dottrine ritenute empie sui fenomeni celesti. Questo provvedimento avrebbe riguardato soprattutto Anassagora, il quale non ammetteva la divinità dei corpi celesti e professava la dottrina 43 che il sole è una massa di metallo rovente e non una divinità. Anche questa volta Plutarco crede che il vero obiettivo da colpire fosse Pericle attraverso l'accusa ad un suo stretto collaboratore e maestro. Aspasia venne prosciolta. Citando esplicitamente la sua fonte, Eschine di Sfetto, Plutarco ricollega l'assoluzione della milesia al comportamento di Pericle, il quale, presente in aula, versò calde lacrime e supplicò i giudici:polla; pavnu para; th;n divkhn, wJç Aijscivnhç fhsivn, ajfei;ç uJpe;r aujth§ç davkrua 44 ,comportandosi così in maniera assolutamente fuori del comune per un capo di stato e un uomo greco, abituato a esercitare sempre un rigido controllo sulle proprie passioni. Quale credito si può dare a questa storia? Ma soprattutto, è verosimile che Aspasia subisse un processo per empietà? Lo Pseudo-Aristotele riporta questa definizione di empietà: “ajsevbeia me;n hJ peri; qeouvç plhmmevleia kai; peri; daivmonaç h;j kai; peri; tou;ç katoicomevnouç kai; peri; gonei§ç kai; peri; patrivda” 45 (l'empietà (è) la mancanza di rispetto verso gli dei, i demoni, i defunti, i genitori, la patria). In questa definizione il motivo religioso, familiare e civico dell' empietà vengono raccolti insieme, dando al reato uno spettro di applicazione veramente ampio. Mario Montuori ha dedicato ad Aspasia uno studio 46 in cui cerca di risolvere il problema del reale contenuto dell'accusa contro di lei, a suo avviso mai chiarito in modo esauriente.

Anteprima della Tesi di Gabriella Freccero

Anteprima della tesi: A scuola da Aspasia: uomini e donne tra retorica e politica nell'Atene del V secolo a.C., Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gabriella Freccero Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5024 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.