Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le relazioni di fiducia nella gestione della conoscenza nelle organizzazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

21 precedente lavoro, McKnight e Chervany 24 avevano individuato quattro fondamentali categorie in cui questi beliefs potevano essere raggruppati: benevolenza, onestà, competenza e prevedibilità (Mayer, Davis e Schoorman 25 , invece, distinguono gli analoghi concetti di benevolenza, integrità e abilità da quello di prevedibilità, ritenendo che insieme alla cooperazione e alla confidence siano dei costrutti diversi dalla fiducia). 4. System Trust: esso supporta le intenzioni fiduciarie, assieme alle credenze fiduciarie. Si tratta della fiducia di un agente nelle strutture impersonali, intese come strutture di sicurezza: garanzie, regolamentazioni, contratti, e come normalità situazionale, ossia la percezione che tutto sia “normale, al proprio posto” (alla stessa stregua della familiarità di Luhmann, funzionano come riduzione dell’incertezza 26 ) e fanno sentire più sicuro (safe) il soggetto che si affida. 5. Dispositional Trust: riguarda le aspettative generalizzate che un individuo sviluppa nel corso della propria vita e si manifesta: da un lato, come il credere nelle persone - che supporta i Trusting Beliefs -, dall’altro come una specie di strategia: fidarsi a priori (Trusting Stance), perché i risultati del fidarsi sono migliori a prescindere dal soggetto di cui ci si fida - che supporta invece le Trusting Intentions. 6. Situational Decision to Trust: così come il fidarsi a priori, la decisione di fidarsi situazionale è una strategia individuale: l’individuo decide di fidarsi ogniqualvolta si trova in una determinata situazione, a prescindere da chi si trova di fronte. Essa si differenzia dalla Trusting Stance perché, al contrario di questa, non è generalizzata, ma legata esclusivamente a una specifica situazione (Figura 3). 24 McKnight, D.H., Chervany, N.L., «What is Trust? A Conceptual Analysis and An Interdisciplinary Model », op. cit. 25 Mayer, R.C. , Davis, J.H., Schoorman, F.D., «An Integrative Model of Organisational Trust », op. cit. 26 Luhmann, N., «Familiarità, confidare e fiducia: problemi e alternative », in Gambetta, D. (Ed.), Trust. Making and breaking cooperative relations, op. cit.

Anteprima della Tesi di Rosa Postorino

Anteprima della tesi: Le relazioni di fiducia nella gestione della conoscenza nelle organizzazioni, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rosa Postorino Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4210 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.