Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I quotidiani italiani e le votazioni del 13 maggio 2001: la campagna elettorale di Silvio Berlusconi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 6 In secondo luogo, anche se il cosiddetto “politichese” è scomparso, spesso il giornalista non contribuisce a rendere più chiara la realtà al lettore: titoli sensazionalistici, notizie vaghe, non approfondite, non contestualizzate, “casi”, che occupano le pagine dei quotidiani per breve periodo e poi scompaiono, contribuiscono a creare un senso di grande frammentarietà. Molte notizie non sono fatti, ma semplicemente opinioni attribuite. L’informazione politica semplificata, “di colore”, è utile per attirare l’attenzione ma impedisce talvolta di formarsi correttamente un’opinione. La notizia politica, inoltre, richiede spesso un commento o un’interpretazione. In genere il politico lancia solo “segnali” da cogliere e spiegare e raramente offre direttamente la notizia. Si esalta quindi in questo caso la soggettività del giornalista, ma anche la funzione della testata, come filtro tra la complessità politica e il lettore. Chi sceglie un quotidiano lo fa in genere anche in funzione della visione delle idee che questo propone: l’interpretazione offerta senza alternative adeguate rimarrà pertanto l’unica possibile. A sua volta, il giornalista scrive pensando al destinatario e al suo orizzonte di valori. Un altro problema è costituito dalla centralità che assumono i politici, al tempo stesso fonte e oggetto di notizia. Difficilmente i rappresentanti dei vari partiti possono fare a meno dei media e questo è tanto più vero nei periodi di campagna elettorale. Da parte sua, il giornalista ha bisogno di una fonte accessibile per poter confezionare il suo prodotto e si muove in un ambiente di cui entra pian piano a far parte. Ne ho parlato con Demetrio De Stefano, caporedattore responsabile della redazione politica del Corriere della sera durante la campagna elettorale per il voto del 2001: “Durante una campagna elettorale si moltiplicano i controlli, le proteste e le richieste di interventi e interviste. È un fenomeno che tentiamo di arginare. Ogni tanto succede che

Anteprima della Tesi di Giorgia Fraizzoli

Anteprima della tesi: I quotidiani italiani e le votazioni del 13 maggio 2001: la campagna elettorale di Silvio Berlusconi, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giorgia Fraizzoli Contatta »

Composta da 539 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3449 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.