Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Qualità dell'e-learning. Esperienze italiane e buone pratiche internazionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Scoprendo l’e-learning ™ i costi di implementazione e realizzazione spesso sono instabili ed in costante evoluzione; ™ alcuni dati risultano difficili da ottenere in quanto recepiti come confidenziali. A queste quattro difficoltà Charlotte Ash e Paul Bacsich 5 aggiungono un altro ostacolo generale che è rappresentato dal fatto che ogni metodo di rilevamento nell’ambito dei costi tende ad usare un proprio vocabolario non standardizzato. Una ricerca condotta dall’ISFOL nel 1999 metteva in evidenza una ripartizione di massima dei costi della FaD per corsi di formazione professionale multiregionale di questo tipo: 30% della spesa totale per le docenze, 7% per il tutoraggio e incombenze affini, tra il 13 ed il 22% per le strutture hardware, software e telematiche ed il 13% per lo sviluppo di materiali didattici multimediali 19 . Sicuramente si può dire che, trovandoci ancora in una fase poco più che sperimentale, i costi di attivazione sono destinati a diminuire e ad essere ammortizzati rapidamente una volta che i servizi e le proposte siano divenuti pienamente operativi ed abbiano acquisito un buon bacino d’utenza. Nonostante questi problemi di rilevazione, che, tra l’altro, stanno trovando soluzione grazie a vari studi specifici 5 , la formazione on line risulta un valido investimento per l’abbassamento dei costi di una formazione destinata a diventare presenza costante nella vita di ogni individuo. 1.2.3 Una valida metodologia di apprendimento/insegnamento Pur con le differenze derivate dalla vasta gamma di gradi di interazione che rende possibili, la FaD di terza generazione concretizza la possibilità di integrare il rapporto insegnante-allievo, tutor-allievo e allievo- allievo in assenza di una compresenza fisica degli attori in uno stesso luogo. Dalla propria sede di lavoro o da casa il singolo può partecipare attivamente ad un processo formativo interattivo e collaborativo. L’apprendimento avviene in una rete che non esaurisce il proprio significato nell’essere strumento di trasmissione di materiali didattici e di connessione tra più computer ma 19 Dati rintracciabili in Relazione di ricerca sugli Strumenti Amministrativi, Qualità e Costi nella FAD, realizzata da IFOA per CFP Vigorelli Luglio 1999

Anteprima della Tesi di Simone Costa

Anteprima della tesi: Qualità dell'e-learning. Esperienze italiane e buone pratiche internazionali, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Simone Costa Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3382 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.