Skip to content

La distribuzione di bevande in Polonia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6CAPITOLO PRIMO LE BEVANDE: MERCATI INTERNAZIONALI Il mercato delle bevande è andato incontro ad importanti mutamenti negli ultimi anni, i consumi di alcolici sono in costante contrazione mentre gli analcolici sembrano destinati a riproporre in futuro i tassi di crescita che ne hanno contraddistinto il cammino fino ad ora. In realtà questa presentazione risulta essere alquanto semplicistica se non si operasse una distinzione per segmenti e zone geografiche. Quindi adottando questa doppia chiave di lettura si può osservare come il declino delle bevande alcoliche interessi principalmente i consumi di spirit ma non quelli di vino mentre la birra è un prodotto il cui mercato sta crescendo a ritmi impressionanti nei mercati dell’est Europa. Nella stessa categoria degli spirit la vodka è una bevanda che desta sempre più interesse tra i giovani consumatori europei mentre all’est è un prodotto che irrimediabilmente in crisi. Queste ed altre tendenze saranno approfondite nelle pagine seguenti con particolare attenzione ad alcuni mercati europei (Germania e Gran Bretagna) e al principale mercato del mondo, quello statunitense. 1-1 LE BEVANDE ANALCOLICHE In questa categoria si comprendono acqua minerale, succhi di frutta, bevande gassate e tutta una serie di altre bevande quali energy drinks, yogurt drinks, bevande funzionali ed altre che recentemente hanno invaso il mercato con risultati lusinghieri. Nel 1999 i soft drinks rappresentavano il 67% dell’intero volume di bevande consumato nella Unione Europea, questo risultato è stato accompagnato da tassi di crescita del 17% annuo tra il 1993 e 1998. Buona parte di questi aumenti è dovuta alla crescente attenzione che i consumatori stanno riservando a bevande che si integrino in diete e stili di vita più salutari. La Germania è il primo mercato europeo con 253 litri pro capite di soft drinks consumati nel 2000. Crescite sopra la media europea sono state registrate in Gran Bretagna, Francia, Germania Italia e Spagna, va detto che i consumi pro capite differiscono sensibilmente da stato a stato con Olanda (153 litri) e Finlandia (130) fanalini di coda. Anche nell’est Europa i soft drinks stanno attirando l’attenzione dei consumatori anche se per il momento il consumo medio pro capite all’est si aggira sui 50 litri annui notevolmente inferiore ai 206 dell’Europa occidentale. Repubblica Ceca (187 litri) e Slovenia (179) sono i maggiori consumatori all’est mentre Ucraina (21) e Russia (24) chiudono la classifica. Come spesso accade anche in materia di soft drinks gli Stati Uniti sono visti come il mercato di riferimento (qui hanno sede i maggiori produttori e qui si hanno i maggiori consumi) in questo paese da tempo destano notevole interesse tra i consumatori i drink funzionali. Nel 1999 oltre il 18% dei nuovi prodotti si dichiaravano appartenenti a tale settore mentre nel 1996 tale percentuale raggiungeva solo il 6,7%. Tra i mercati che si presentano più promettenti è doveroso citare la Cina il cui mercato cresce a tassi del 30% annui, è facilmente intuibile l’interesse che
Anteprima della tesi: La distribuzione di bevande in Polonia, Pagina 4

Preview dalla tesi:

La distribuzione di bevande in Polonia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Giardini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Alessandro Baroncelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

distribuzione
gdo
horeca
vodka
polonia
mercato delle bevande
economia della polonia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi