Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'auditing dei sistemi informativi con la metodologia CobiT 3. Il caso Olivetti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tesi di Laurea di Giulio Saitta: “L’Auditing dei sistemi informativi con la metodologia CobiT 3. Il caso Olivetti.” 13 Amministrazione, di convocare l’Assemblea dei soci 15 , ipotesi fino ad oggi per lo più avversata in dottrina e giurisprudenza 16 . La stessa norma prevede la possibilità per il Collegio di convocare il Consiglio di Amministrazione o il Comitato Esecutivo 17 ; la sua opportunità è indiscutibile soprattutto pensando ai casi in cui l’invito degli amministratori alla riflessione sulla importanza di alcune attività compiute o da compiere sia utile anche al fine di evitare l’assunzione di eventuali iniziative di correzione 18 . Altra novità è costituita dalla norma con cui si autorizzano i sindaci ad impiegare i dipendenti della società per l’espletamento delle loro funzioni, fornendo loro così un complemento strumentale non dispendioso e di sicura utilità. Viene confermata la facoltà dei sindaci di utilizzare propri dipendenti e ausiliari per valutare soltanto l’adeguatezza e l’affidabilità del sistema amministrativo contabile, sostenendone l’onere delle spese; gli accertamenti eseguiti devono però risultare dal libro delle adunanze e delle deliberazioni del Collegio Sindacale. Infine, se il Collegio ha fondato sospetto di gravi irregolarità nell’adempimento dei doveri degli amministratori, può denunciare i fatti al Tribunale ai sensi dell’art. 2409 del codice civile. Da “una legittimazione passiva unitamente agli amministratori, secondo il dettato dell’art. 2409 del codice civile, si passa dunque ad una legittimazione attiva esercitabile direttamente dal Collegio Sindacale” 19 . 15 Nell’ambito del codice civile tale potere è circoscritto alle ipotesi di omissione di convocazione dell’Assemblea da parte degli amministratori (art. 2406 del codice civile) e cessazione dell’amministratore unico o di tutti gli amministratori (art. 2386, comma 4 , del codice civile). 16 Sul tema in giurisprudenza si veda tra le altre Cass. 7 febbraio 1972, n. 296, in “Giust. Civ.”, 1972, I, pag. 688. 17 A tale proposito va sottolineato che i sindaci decadono dal proprio ufficio se, senza giustificato motivo, non assistono non solo – come previsto dall’art 2405 del codice civile – a due adunanze del Consiglio di Amministrazione e alle Assemblee ma, in base al nuovo disposto di cui all’art. 149, comma 2, del testo unico, anche a due riunioni del Comitato Esecutivo. 18 Cfr. V. Salafia, Il Collegio Sindacale nelle società quotate in Le Società n. 3/1998. 19 Cfr. G.Biacca, L’ambiente di controllo nelle società quotate in Impresa c.i. n. 7-8/1998.

Anteprima della Tesi di Giulio (Cesare Riccardo) Saitta

Anteprima della tesi: L'auditing dei sistemi informativi con la metodologia CobiT 3. Il caso Olivetti, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giulio (Cesare Riccardo) Saitta Contatta »

Composta da 275 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7398 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.