Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'auditing dei sistemi informativi con la metodologia CobiT 3. Il caso Olivetti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tesi di Laurea di Giulio Saitta: “L’Auditing dei sistemi informativi con la metodologia CobiT 3. Il caso Olivetti.” 6 finanziaria”. Tale provvedimento, frutto del lavoro della Commissione ministeriale presieduta da Mario Draghi, contiene innanzitutto disposizioni tese ad armonizzare la normativa di recepimento delle direttive comunitarie con la disciplina già vigente in tema di intermediari e di mercati finanziari; quindi dedica notevole spazio alle innovazioni che incidono direttamente sulle società quotate 5 . Fra le molte novità in materia societaria recate dal decreto legislativo quelle forse più rilevanti riguardano l’organo sindacale delle società con azioni quotate. Con gli artt. 148-154 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n.58 il Collegio sindacale delle società quotate si configura organo profondamente diverso rispetto a quello delle società non quotate, particolarmente per le funzioni che gli sono attribuite, il cui baricentro viene nettamente spostato dal controllo legale dei conti a quello del controllo del sistema e della corretta amministrazione. Sono così privilegiate la vigilanza sull’osservanza della legge e dell’atto costitutivo, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione, sull’adeguatezza della struttura organizzativa della società, del sistema di controllo e del sistema amministrativo contabile, sui rapporti tra controllante e controllata 6 . Altri principi di corporate governance sono stati specificati a livello di normativa secondaria, in particolare dai regolamenti attuativi emanati successivamente dalla Consob. Per la prima volta, nella legislazione italiana, l’espressione “sistema di controllo interno” assume uno specifico ruolo nell’ambito della struttura organizzativa delle società e, in particolare, le attività della funzione di controllo interno vengono svolte in modo autonomo e indipendente. Un ulteriore e fondamentale contributo nel contesto italiano si è avuto con il Codice di Autodisciplina, per le società quotate, emanato nell’ottobre 1999 dalla Borsa Italiana S.p.A.. Recentemente si è avuta un’ulteriore conferma dell’importanza dei principi di corporate governance, con la grande enfasi data alla nascita del segmento STAR (Segmento Titoli Alti Requisiti), operativo nella primavera del 2001. La decisione rappresenta per Piazza Affari una rivoluzione notevole, dato che vengono premiate le società che meglio applicano alcune regole di base di corporate governance. 5 F. Bonomo, le nuove regole di Corporate Governance in Impresa c.i. n. 5 del 1998 pag. 1007. 6 R. Alessi, Corporate Governance in Le società n. 5/1998.

Anteprima della Tesi di Giulio (Cesare Riccardo) Saitta

Anteprima della tesi: L'auditing dei sistemi informativi con la metodologia CobiT 3. Il caso Olivetti, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giulio (Cesare Riccardo) Saitta Contatta »

Composta da 275 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7398 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.