Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuovi modelli di business: le comunità virtuali. Il caso di Fondi.it

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Marketing e comunità virtuali Tra le diverse modalità di affiliation le più importanti sono: ™ la creazione di comunità virtuali , oggetto di analisi dei prossimi capitoli ™ l'aumento della varietà e della profondità dei servizi oltre quello che i consumatori sarebbero disposti a richiedere ™ ricorso a strategie di tipo clicks e mortar 17 , nell'intento di creare connessioni più profonde con i consumatori e ridurre il rischio percepito nel contatto eslusivamente on line 1.2.2 Lock - in Una seconda modalità per operare un posizionamento dinamico è denominata lock-in, importata direttamente dalla teoria economica, ed è utilizzata per descrivere situazioni in cui: "i costi associati alla transizione da una marca ad un'altra sono rilevanti. I costi di transizione e di lock-in sono presenti ovunque nel mondo dei sistemi informativi e la gestione di questi problemi è particolarmente difficile tanto per i venditori che per gli acquirenti" 18 . L'idea di fondo sottostante è incentrata sul fatto che le scelte future del cliente dipendono da quelle passate, e quando un cliente decide di mutarle deve sostenere un costo di cambiamento. Le imprese possono quindi sfruttare questa situazione cercando di innalzare questa categoria di costi e provocare un'inerzia che, di nuovo, conduce alla fedeltà della domanda rispetto ad una determinata marca tecnologica o di prodotto, ovvero dell'assortimento proposto all'interno di un determinato sito. Una strategia di lock-in induce, quindi, il cliente a ripetere i propri comportamenti d'acquisto non tanto perché egli presenti una scheda di preferenze specifica per quel prodotto, ma perché il costo da sopportare per un eventuale cambiamento è troppo elevato. 17 Il termine fa riferimento ad un'azienda che abbia perfettamente integrato le attività online con la sua esistenza nel mondo reale. 18 Shapiro C.; Varian H. (1999) Information rules : le regole dell'economia dell'informazione, Etas, Milano, p.126.

Anteprima della Tesi di Fabio Calorio

Anteprima della tesi: Nuovi modelli di business: le comunità virtuali. Il caso di Fondi.it, Pagina 15

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Calorio Contatta »

Composta da 269 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3977 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.